No, non è un sogno. Mattioli ci scherza su: Secondo posto? Peccato doverlo condividere

La vittoria della SPAL contro lo Spezia oltre a portare tre punti in più in classifica ha regalato ai biancazzurri anche un secondo posto in coabitazione. Abbiamo raccolto le impressioni di patron Simone Colombarini e del presidente Mattioli.

WALTER MATTIOLI
“Avrei preferito essere secondo da solo e non con altre squadre (ride). Ovviamente sono molto contento soprattutto per i nostri tifosi perché stiamo vivendo un momento felice e molto particolare. Vedo la SPAL giocare bene e con il carattere giusto, perché anche oggi rimontare il gol subìto non è stato facile. E’ una vittoria che a mio avviso vale doppio perché lo Spezia è una squadra forte che punta a vincere il campionato. La classifica? Io la guardo sempre, come quelli che dicono che non la guardano (ride): essere lì è una grandissima soddisfazione. Il mercato? Ne abbiamo parlato anche in questi giorni con Vagnati. Sarà un mercato che vivremo con particolare serenità, cercando di accontentare le richieste di chi gioca meno e vorrebbe provare a farlo di più. Ovviamente ad ogni partenza corrisponderà un arrivo, ma secondo me la squadra è già competitiva così”.

SIMONE COLOMBARINI
“Una bella partita conclusa con i tre punti, ma quello che ho apprezzato di più è stato lo spirito messo in campo dalla squadra contro un avversario tra i più forti in campionato. Dal decimo del primo tempo la squadra ha cominciato a giocare davvero bene ottenendo il meritato vantaggio e successivamente la vittoria. Ci sta anche soffrire nel finale contro avversari così forti. Parlare ancora di salvezza? Trovandoci in questa posizione di classifica è chiaro che fa un certo effetto e dimostra il buon lavoro fatto. E’ chiaro che qualche pensierino alle posizioni nobili della classifica lo facciamo, ma non dobbiamo montarci la testa perché il campionato è ancora lungo: se guardiamo anche i risultati odierni si capisce quanto questo campionato sia imprevedibile. In ogni caso dobbiamo continuare quello che stiamo facendo per raggiungere al più presto il nostro obiettivo e puntare a qualcosa di diverso se sarà possibile”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0