Lavori al Mazza, si va avanti con i progetti. Modonesi: Ipotesi 16mila posti tutti coperti

L’occasione per l’inaugurazione del nuovissimo Centro di Via Copparo è stata anche l’occasione per fare il punto della situazione con l’assessore Modonesi su una delle questioni più importanti per il futuro, ossia il previsto restyling dello stadio Paolo Mazza.

“C’è tanto entusiasmo attorno a questa SPAL,- ha detto Modonesi- anche e soprattutto grazie alla serietà della società che penso sia riuscita a far tornare ad apprezzare il bello del calcio a questa città. Negli anni Sessanta il centro di via Copparo era un vero fiore all’occhiello e oggi sono molto contento che stia tornando tale. Quello che però in questo momento, e quando dico questo momento intendo proprio oggi dopo pranzo, stiamo discutendo è però soprattutto il futuro del Mazza. Oggi avremo un incontro per costituire il fondo immobiliare vero e proprio nel quale come Comune di Ferrara conferiremo lo stadio. Sarà poi il fondo stesso a fare l’investimento che ci consentirà di adeguare la struttura sportiva”.

“Abbiamo due ipotesi sul tavolo: – ha continuato l’assessore – la prima, sulla quale avevamo ragionato mesi fa, prevede una capienza di 12 mila posti mentre quella che stiamo tenendo in considerazione adesso si basa su una nuova capienza di 16 mila posti. Sarà uno stadio interamente coperto e senza barriere, dotato di spazi e servizi utili sia per l’aspetto sportivo ma anche per quello commerciale: l’idea infatti è quello di rendere fruibile lo stadio ogni giorno delle settimana per attività che non riguardano solo il calcio. Per entrare nel dettaglio il nuovo Mazza avrà gradinata e curva est nuove, interamente coperte, ed esercizi commerciali sotto la gradinata. per quanto riguarda l’esistente verrà fatto un restyling della curva Ovest e della tribuna. Innanzitutto per quanto riguarda le coperture, per poi passare alla risistemazione di quelle che sono le zone di servizio, hospitality e servizi igienici”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0