Gli episodi stavolta girano a sfavore: avvio di ripresa letale, SPAL sconfitta 3-1 a Vercelli

Si ferma a sette risultati utili consecutivi la striscia positiva della Spal, sconfitta per 3-1 al “Piola” di Vercelli dai padroni casa, tornati al successo dopo quasi due mesi di astinenza. La Spal è andata sotto forse in quello che sembrava esser il suo miglior momento, culminato con il palo colpito da Antenucci, ma una volta in svantaggio si è letteralmente sciolta alla distanza, accorciando le distanze solo nel finale con Bonifazi.

Il primo tempo, in termini di emozioni, sicuramente non contribuisce a scaldare gli infreddoliti spettatori del “Piola”. La partita viaggia su un sostanziale equilibrio, con i primi quindici minuti in cui le due formazioni pensano più che altro a studiarsi. La Pro Vercelli, in campo con un 442 ibrido, sembra la squadra scesa in campo con più determinazione per cercare il vantaggio e cerca di sfruttare la superiorità numerica che si crea sugli esterni, con Berra e Mammarella sempre pronti a spingersi in avanti. Così, dopo un paio di angoli nel giro di pochi minuti, è Mustacchio al 19’ a provarci, ma la sua conclusione è troppo centrale e non crea problemi a Meret. Sei minuti dopo, invece, è molto più pericoloso Emmanuello che calcia poco a lato dal limite dell’area. La Spal si vede solamente con alcune percussioni sulla sinistra di Beghetto, su una delle quali, al 41’, Antenucci mette alto di testa.

L’intervallo, oltre a far scendere un po’ di nebbia sul “Piola”, sembra svegliare gli uomini di mister Semplici, che iniziano in modo molto aggressivo e dopo quattro minuti è il palo a salvare Provedel sul tiro rasoterra di destro di Antenucci. Tre minuti dopo, su un’altra incursione di Beghetto, Zigoni anticipa il suo diretto avversario, ma calcia alto. Al 55’ è però la formazione di casa a trovare il gol del vantaggio, con il tiro su punizione di Emmanuello che passa tra la barriera spallina e si insacca alle spalle di Meret. A Vercelli scende una nebbia sempre più fitta, per la Spal anche in senso metaforico, visto che gli uomini di Semplici accusano il colpo e si trovano sotto anche per la seconda volta al 64’ quando Morra è bravissimo a coordinarsi sul cross di Mammarella da destra.Il mister spallino cerca di aumentare il peso offensivo, inserendo Cerri al posto di Castagnetti, ma è ancora la Pro Vercelli a sfiorare il gol, con il palo che salva Meret sul colpo di testa di La Mantia. Il 3-0 arriva però due minuti dopo, quando Meret riesce a respingere sul colpo di testa di Emmanuello, ma Palazzi ha gioco facile nel mettere il pallone in rete da pochi passi. I piemontesi non sembrano volersi accontentare e sfiorano la quarta marcatura all’82’ prima con il colpo di testa di Castiglia che finisce sul palo e poi con il tiro che esce di poco di Morra. I biancazzurri riescono così ad accorciare le distanze all’85’ con il secondo gol stagionale di Bonifazi, dopo una serie di rimpalli in area sulla punizione battuta da Schiattarella. Nel finale esordio stagionale anche per Alberto Picchi.

Pro Vercelli-SPAL 3-1 (pt 0-0)
Pro Vercelli (442): Provedel; Berra, Bani, Luperto, Mammarella; Mustacchio (dal 27’ s.t. Legati), Castiglia, Palazzi (dal 40’ s.t. Ardizzone), Emmanuello; Morra, La Mantia (dal 43’ s.t. Ebagua). A disp.: Zaccagno, Germano, Budel, Eguelfi, Konate, Baldini. All.: Longo.
SPAL (352): Meret; Bonifazi, Vicari, Giani (dal 42’ s.t. Picchi); Lazzari, Schiattarella, Castagnetti (dal 24’ s.t. Cerri), Arini, Beghetto; Zigoni (dal 36’ s.t. Finotto), Antenucci. A disp.: Marchegiani, Silvestri, Spighi, Pontisso, Del Grosso, Ghiglione. All.: Semplici.

ARBITRO: Sig. Aureliano di Bologna (ass.ti: Robilotta e Pagnotta; quarto uomo: Meleleo)
RETI: 10’ s.t. Emmanuello (P), 19’ s.t. Morra (P), 27’ s.t. Palazzi (P), 40’ s.t Bonifazi.
AMMONITI: Mammarella (P), Mustacchio (P), Schiattarella (S), Zigoni (S).
NOTE: Angoli: 5-8. Recuperi: 0′ p.t, 5′ s.t.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0