Prova generale opaca, Antenucci è sfortunato mentre il centrocampo soffre più del solito

La SPAL esce sconfitta dal “Piola” di Vercelli dopo una serie positiva di sette partite. Nell’opaca prova dei ferraresi si salvano in pochi. Andiamo a vedere nel dettaglio le prestazioni dei calciatori spallini.

MERET 6 – Rientra tra i pali della porta biancazzurra dopo l’infortunio. Nel primo tempo una buona parata in sicurezza su Mustacchio. Fa veramente il possibile ma nulla può sulle tre realizzazioni dei piemontesi.

BONIFAZI 6 – Qualche errore di troppo in fase d’impostazione. Sicuramente meno impeccabile rispetto alle precedenti uscite. Nel finale trova il gol della bandiera con un bel destro che si infila nell’angolino.

VICARI 5,5 –  Quando c’è da liberare la zona lo fa badando al sodo e senza troppi complimenti. E’ decisivo in avvio di gara nel mettere la gamba su alcuni palloni insidiosi scodellati nell’area. Poi, un po’ come la nebbia, cala vistosamente.

GIANI 5 – La Mantia e Morra sono due autentici combattenti che non gli rendono assolutamente vita facile. La sua è una partita di contrasti e duelli aerei: spesso persi. (dal 42’ s.t. PICCHI s.v. – Pochi scampoli di partita per l’esordio stagionale).

LAZZARI 5 – In fase offensiva fa fatica a sfondare per la bravura degli avversari che lo raddoppiano e lo triplicano. Per rendersi pericoloso deve dialogare con Schiattarella. Sul 2-0 della Pro non colpisce bene il pallone di testa. Errore che permette la conclusione vincente a Morra. Anticipato nettamente in occasione del 3-0.

ARINI 5 – Rimane guardingo nella sua zona di competenza ma non riesce a opporre un buon filtro al centrocampo. Partita abbastanza anonima.

CASTAGNETTI 5 – Soffre la pressione degli avversari che non lo lasciano respirare. Sostituito a metà del secondo tempo. (dal 24’ s.t. CERRI s.v. – Difficilmente giudicabile con il match ormai chiuso. Un voto negativo sarebbe troppo ingeneroso).

SCHIATTARELLA 5,5 –  Prova a muoversi tra le due linee difensive della Pro Vercelli. Agisce quasi da trequartista. E’ il protagonista (tocco di mano involontario a protezione del volto) della punizione che porta al vantaggio i padroni di casa.

BEGHETTO 6 – Mustacchio, suo cliente di giornata, è piuttosto impegnativo. In fase difensiva si dimostra attento. E’ l’unico biancazzurro a spingere con continuità a dimostrazione del grande stato di forma.

ZIGONI 5,5 – L’intesa con Antenucci c’è. A inizio secondo tempo va a un passo dalla zampata vincente prima che la squadra capitoli sotto i colpi degli indiavolati piemontesi. Un po’ nervoso, viene anche ammonito. (dal 36’ s.t. FINOTTO s.v. – Entra a gara più che compromessa).

ANTENUCCI 6 – Come sempre si sbatte e lotta su ogni pallone. Gli avversari lo temono. L’assolo in slalom a inizio della ripresa avrebbe meritato miglior sorte rispetto al palo colpito. È quello l’episodio che fa girare il match. Sfortunato.

All.: SEMPLICI 6 – L’unica “sorpresa” nella formazione iniziale è la scelta di Meret. Non riesce a trovare soluzioni contro una Pro Vercelli che disinnesca i punti di forza della sua Spal. Una sconfitta più figlia degli errori della squadra. Lui ha poche responsabilità.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0