Andreini mette Vercelli tra gli incidenti di percorso: Può capitare di non esprimersi al meglio

Tempo di sorprese natalizie in via Copparo: lunedì, al posto dell’annunciato Davide Vagnati, in conferenza stampa si è presentato il team manager Alessandro Andreini. E’ toccato quindi ad uno dei collaboratori più fidati del ds l’arduo confronto con i giornalisti due giorni dopo l’amara sconfitta contro la Pro Vercelli. Per il diretto interessato non è un passo indietro nel percorso fatto fino a questo momento: “E’ stata una partita complicata, abbiamo sofferto e siamo andati spesso in difficoltà, ma se sullo 0-0 avessimo fatto gol invece che prendere il palo probabilmente il copione sarebbe stato diverso. Gli episodi non ci hanno sorriso, ma capita anche questo. Calo di tensione? Non credo, lo vedo più come un incidente di percorso, può capitare di non riuscire ad esprimersi al meglio dopo un periodo positivo così lungo. Se andiamo a valutare le singole prestazioni dei giocatori, infatti, non c’è chi ha fatto particolarmente male e nemmeno chi si è distinto tra gli altri”. Sicuramente, però, i piemontesi si sono dimostrati sin da subito più aggressivi rispetto alla SPAL: “Avevano la bava alla bocca, è vero, – ha ammesso il team manager biancazzurro che nella sua carriera da calciatore ha vestito la maglia della Pro per due stagioni in C1 – ma del resto per loro era una partita importante. Noi in settimana avevamo lavorato bene, con la giusta intensità fisica e mentale, ma questa volta non siamo riusciti a mettere in campo tutte le nostre qualità”.

Ora la Ternana, squadra per Andreini “costruita bene, con un ottimo reparto offensivo. Quest’anno non sono ancora riuscito a vedere dal vivo una sua partita, ma credo che abbia raccolto meno di quanto ha realmente seminato. In attacco ha giocatori di spessore come i due uruguaiani Avenatti e Falletti e servirà la massima concentrazione per vincere”. Sicuramente non sarà della gara Michele Cremonesi, in ripresa dopo l’infortunio muscolare patito il 31 ottobre in casa nel match contro l’Avellino, ma non ancora al top della condizione, mentre per riavere Gasparetto in anticipo rispetto all’effettiva scadenza delle tre giornate di squalifica bisogna aspettare che arrivino buone nuove dalla Lega di B.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0