Il 2016 come base di partenza e non come arrivo: la dirigenza lavora a mercato e stadio

Nel corso della grande serata di festa biancazzurra, il patron Simone Colombarini e il presidente Walter Mattioli hanno espresso la loro soddisfazione per la riuscita dell’evento, rilasciando anche qualche dichiarazione sul campionato, sul mercato e sul futuro stadio.

SIMONE COLOMBARINI
“Questa è ormai una tradizione che si mantiene tutti gli anni da quando è iniziata la nostra avventura e cresciamo sempre di numero. Il clima è fantastico, i risultati sono sotto gli occhi di tutti ed è bello vedere l’affetto della gente e l’entusiasmo così alle stelle anche in chi vive la SPAL come quotidianità. Il 2016 è stato un anno di soddisfazioni, speriamo di concludere questa stagione nel migliore dei modi. Sabato è la vigilia di Natale, ci attende l’ultima partita casalinga e sarebbe bello fare un regalo ai nostri tifosi. La sconfitta dell’ultimo turno ci deve servire come monito per mantenerci coi piedi per terra. Questo campionato è difficile ed equilibrato, ma noi abbiamo dimostrato di potercela giocare con tutti e sarà fondamentale la reazione della squadra e lo spirito con cui affronterà la Ternana. Sappiamo che le potenzialità le abbiamo, però bisogna tenere alta l’asticella per rimanere concentrati sull’obiettivo. Per quanto riguarda il mercato, penso che i nostri ragazzi abbiano tutti fatto la propria parte, anche i giovani quando sono stati chiamati in causa hanno sempre fatto un’ottima figura. Se ci sarà la richiesta da parte di qualche giocatore di partire per trovare maggiore spazio, cercheremo di sostituirlo con qualcun altro che ci possa aiutare maggiormente nelle rotazioni, soprattutto in difesa dove siamo un po’ corti. Infine sul discorso stadio, posso dire che quest’anno assieme al Comune abbiamo lavorato tanto per mettere il Mazza in regola per la cadetteria, ma se possibile già verso il prossimo maggio inizieremo ad intervenire per quanto riguarda un ulteriore allargamento”.

WALTER MATTIOLI
“Vedere tutto questo entusiasmo, tutti questi ragazzini orgogliosi di vestire la nostra maglia mi regala una gioia immensa. Quando abbiamo iniziato il nostro cammino con la SPAL il nostro principale obiettivo era restituire serietà all’ambiente e riportare Ferrara dove meritava di stare nel panorama del calcio italiano, ma non avremmo mai pensato di riuscirci in così poco tempo. Ci sono ancora diversi aspetti da migliorare, ma in questi quattro anni sono stati fatti passi da gigante: il nuovo centro di via Copparo, l’adattamento dello stadio per la B, ora si parla di raddopio del pubblico a sedicimila spettatori, non posso che essere felice e orgoglioso per tutto questo. Stiamo facendo grandi cose anche in campionato, quindi non potrebbe andare meglio di così. Veniamo da una sconfitta che ci deve insegnare che non possiamo permetterci di prendere sottogamba una partita o un avversario e che se non si gioca con cattiveria in serie B si perde. Adesso ci teniamo a recuperare subito sabato contro la Ternana per fare un bel regalo di Natale ai nostri tifosi e poi chiudere a Bari al meglio questo girone di andata. E’ periodo di mercato ed è vero che qualcosa bolle in pentola: se qualcuno se ne vorrà andare perché gioca poco sicuramente verrà rimpiazzato con chi ci può dare una mano”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0