Dopo Beghetto anche Cerri saluta la SPAL: l’attaccante passa in prestito al Pescara

Nel giorno in cui Andrea Beghetto si trova a Genova per le visite mediche in vista del passaggio ufficiale al Genoa un altro biancazzurro ha le valigie pronte: si tratta di Alberto Cerri, che già da oggi potrebbe iniziare la sua nuova avventura col Pescara in serie A. Già da diversi giorni le voci su un addio alla SPAL si erano intensificate (si era parlato anche del Crotone) dopo un girone d’andata deludente (15 apparizioni, 1 gol) in cui l’attaccante non è mai sembrato totalmente a suo agio con gli schemi di mister Semplici. Così la Juventus (proprietaria del cartellino) in accordo con la SPAL ha deciso di ricollocare Cerri, complice anche la presenza al Pescara di Luca Leone, ex ds del Lanciano, squadra in cui il giocatore ha militato due stagioni fa.

Considerata anche la partenza di Grassi, ora i biancazzurri hanno la necessità di inserire un attaccante. La SPAL partecipava in modo consistente all’oneroso ingaggio di Cerri, per cui la cifra potrebbe essere reinvestita su un nome di un certo peso.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0