Il mancino arriva anche stavolta dal Veneto: Costa l’erede di Beghetto, si attende solo l’ok

Indiscrezioni provenienti da Verona dicono che oggi potrebbe essere il giorno del “sì” di Filippo Costa alla SPAL. Il giovane esterno sinistro del Chievo (classe 1995) è l’opzione privilegiata per la sostituzione di Beghetto e sembra pronto a scendere di categoria per trovare spazio. Sul tavolo del Chievo ci sono diverse proposte (Spezia, Entella, Benevento, Perugia), ma la SPAL sembra essere in vantaggio. Determinante, a quanto pare, il gioco d’anticipo del dg Vagnati che si è mosso per tempo con un blitz tra Natale e Capodanno. Se il giocatore dovesse effettivamente dare il via libera al suo trasferimento a Ferrara (in prestito con diritto di riscatto) cadrebbero automaticamente le tante ipotesi circolate negli ultimi giorni, da Brivio del Genoa (che vorrebbe rimanere in serie A) a D’Elia del Vicenza (che i biancorossi non cedono affatto volentieri).

Costa, originario di Noventa Vicentina, ha fatto tutta la trafila delle giovanili nel Chievo Verona fino al debutto in prima squadra nella scorsa stagione, il 3 febbraio 2016 al “Meazza” contro l’Inter. Nell’annata 2015-2016, dopo sei mesi di prestito infruttuoso al Bournemouth in Inghilterra, ha messo insieme 6 apparizioni in serie A per un totale di 128 minuti di gioco. Nella stagione 2014-2015 invece ha disputato l’intero campionato di Lega Pro con la maglia del Pisa, giocando 29 volte (26 in campionato, 3 in coppa) di cui 28 da titolare. Nel suo curriculum c’è anche un titolo di campione d’Italia Primavera conquistato con il Chievo nel 2014.

foto di copertina da bournemouth.co.uk

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0