Ansia da prestazione per la Krifi, i granata cedono contro Montichiari nel big match

Nella prima uscita del 2017 la Krifi poteva assestare un’accelerata decisiva per la leadership del girone D, ma ha mancato l’appuntamento cedendo per 3-1 al Pala HiltonPharma contro la Lorini Montichiari seconda in classifica. I bresciani si sono dimostrati determinati, compatti e fortunati quel tanto che basta per mettere in discussione la supremazia dei granata.

Le luci del Pala HiltonPharma si sono riaccese sotto gli occhi di un pubblico delle grandi occasioni. Ad assistere allo scontro tra le due teste di serie sono accorsi in tantissimi, rendendo l’aria davvero frizzante fin dal fischio d’inizio. Montichiari parte subito aggressiva, guidata da Bonizzoni in banda e Bartoli opposto, mentre la Krifi sembra leggermente nervosa sia in attacco che in battuta. La difesa ferrarese fatica ad ingranare e gli schiacciatori avversari ne approfittano in più occasioni, Bartoli su tutti. A tenere a galla i padroni di casa ci pensano Masiero dal centro (che porta a casa cinque punti su primo tempo solo nel primo set) e Ballerio, ma Montichiari sfonda troppo spesso il muro granata e va a vincere il primo set senza troppi problemi (20-25). La Krifi riparte con nuove forze sul secondo set, cercando di sfruttare la linea di bordo campo con i suoi schiacciatori e le diagonali strette con gli opposti. Ballerio e Di Renzo però faticano in difesa, a volte sopraffatti da Montichiari che continua a giocare di potenza. Quando il muro ferrarese comincia a funzionare, ne giovano anche la difesa ed il contrattacco: il secondo set riporta la Krifi Caffè in parità (25-22).

Il terzo ed il quarto set segnano la resa dei ferraresi in favore degli avversari, che sfruttano al meglio le debolezze granata. Bartoli domina il campo in attacco, ricordando in più occasioni Drago nelle sue giornate migliori: i compagni avversari non devono fare altro che seguirlo. Ballerio fatica in difesa e viene perciò sostituito da Alberto Bortolato, al suo rientro dopo il lungo stop infortunio. Poco dopo fanno il loro ingresso in campo anche Spiga, Atef e Trimurti a sostituire rispettivamente Bernard, Drago e Fontana, ma la situazione non migliora e Montichiari va sul 2-1 con l’ennesimo punto di Fellini (20-25). Ferrara è davvero in difficoltà e lo dimostrano tra le altre cose le proteste contro l’arbitraggio. Nel giro di pochi minuti, vengono assegnati un giallo a Drago ed uno a Montichiari, entrambi per proteste. Ad uscirne meglio sono gli ospiti, che non mettono mai veramente in discussione il proprio vantaggio. L’unico a credere ancora nel tie-break sul finale di partita del quarto set è Atef, ma la Krifi non ha energie a sufficienza per cambiare il senso della partita. Il match finisce ai vantaggi con un muro di Fraccaro, mentre i granata rientrano in spogliatoio per smaltire questa prima difficile sconfitta del nuovo anno.

Tabellino: Drago 16, Fontana 7, Trimurti 3, Spiga 1, Masiero 10, Ballerio 7, Bernard 11, Atef 6, Di Renzo (L).

Post Partita
Nella lucida descrizione del match c’è posto anche per un po’ di rammarico per Marco Martinelli: “Abbiamo giocato una delle nostre peggiori partite del campionato, faticando sul cambio palla e mancando di lucidità e pazienza nel gioco. Abbiamo subito molto a muro, negli scambi lunghi gli avversari hanno saputo giocare d’astuzia, costruendosi i punti. Noi, con la nostra fretta e la nostra poca lucidità, abbiamo perso incisività. Bartoli ha attaccato facendo il suo e risultando molto più efficace dei nostri attaccanti. Montichiari ha meritato la vittoria perché ha giocato meglio, ora dobbiamo tornare a lavorare, la serata ci ha dimostrato che non siamo così forti come pensavamo di essere e le cose non sono facili come sembrano”.

Il commento del presidente Mauro Baroni ci porta al futuro della squadra, che il prossimo week end è attesa a Portomaggiore per un’altra grande sfida: “Mi aspettavo una reazione diversa questa sera. I ragazzi si sono fatti prendere dalla pressione di giocare contro la seconda in classifica e non sono mai riusciti a venir fuori dalla brutta situazione che si era creata in campo. Gli avversari si sono meritati la vittoria, ma io mi auguro che si cambi registro fin da lunedì perché abbiamo un appuntamento molto importante la prossima settimana. Andare a Portomaggiore dopo questa sconfitta sarà dura, è una squadra in gran forma che farà sicuramente valere il fattore campo. Spero che i ragazzi si rendano conto della cattiva prestazione di stasera e trovino le giuste soluzioni”. Un’ultima parola va al pubblico, accorso davvero numeroso: “Spero che la tanta gente che c’era oggi venga anche alle prossime partite: noi non siamo quelli di questa sera, la squadra avversaria era forte, ma noi abbiamo giocato sotto le nostre possibilità. Guardando gli ingressi, oggi abbiamo fatto numeri interessantissimi, mi dispiace non aver potuto ripagare gli spettatori con una vittoria”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0