L’acquisto invernale più azzeccato dal 2007? I lettori dicono Cottafava; Mendy è il flop

Nello spazio di dieci giorni Marcello Cottafava ha sbaragliato la concorrenza e si è aggiudicato il titolo di “Acquisto invernale del decennio della SPAL”, prevalendo nel sondaggio che abbiamo lanciato lo scorso 2 gennaio in cui chiedevamo di votare il miglior terzetto di acquisti di gennaio e il peggiore, a partire dalla stagione 2006-2007.

L’ex difensore, arrivato nel gennaio 2015 e oggi allenatore dell’Under 17 biancazzurra, è quello che appare più spesso tra le tre preferenze espresse dai partecipanti con una percentuale dell 83,9%. Cottafava ha vinto con un piccolo margine su Gianmarco Zigoni (gennaio 2014, fermatosi a 81,6%), mentre al terzo posto si è piazzato l’attuale capitano Nicolas Giani (gennaio 2014, 75,3%). Lontanissimi tutti gli altri, a partire dal quarto classificato Vlado Smit (14,9%) e dal quinto Samuele Sereni (7,8%).

Molto più combattuta è stata invece la corsa al “Peggior acquisto invernale del decennio”: alla fine l’ha spuntata il francese Jean Philippe Mendy (marzo 2011) con il 25,5%, tallonato dalla coppia Marchini-Cubillos (gennaio 2012 e dicembre 2012) che ha chiuso ex-aequo al 23,1%. Come dimostrano le percentuali, in questa categoria la distribuzione è stata molto più omogenea visto che in diversi hanno toccato la doppia cifra.

4. Andrea Pappaianni (gennaio 2015) 22,4%
5. Fabio Piroli (gennaio 2007) 16,9%
6. Umberto Cazzola (gennaio 2009) 16,1%
7. Mattia Del Mastio (dicembre 2012) 15,7%
8. Giovanni Furlanetto (gennaio 2008) 13,7%
9. Francesco Volpe (gennaio 2011) 12,2%
10. Alessandro Gottardi (gennaio 2009) 11,8%

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0