Floccari, attendere prego: l’emergenza infortunati a Bologna tiene congelato il trasferimento

Nella migliore delle ipotesi Sergio Floccari arriverà alla SPAL a metà di questa settimana. Nella peggiore all’inizio della prossima. Sembra essere questo il quadro della situazione sull’asse Ferrara-Bologna. Ad allungare i tempi non sono i dettagli della trattativa in sé, già chiusa sia col Bologna sia col giocatore, ma la situazione d’emergenza nella rosa di mister Donadoni: l’arrivo di Petkovic dal Trapani infatti non ha risolto i problemi di organico in avanti. Tema su cui il tecnico è tornato in termini abbastanza espliciti nella conferenza stampa di presentazione di Inter-Bologna di Tim Cup: “Ci sono delle difficoltà per via di alcuni infortuni che non mi aiutano, domani sera dovremo fare di necessità virtù. […] Petkovic prima si è infortunato alla spalla, poi si è fermato per la sosta della Serie B, quindi ha anche una leggera carenza di allenamento. Per quanto riguarda invece Floccari, al momento non c’è nulla di definito“. Non a caso Floccari è stato convocato per la sfida del “Meazza”, ma non dovrebbe scendere in campo salvo imprevisti. A Bologna suggeriscono che l’attaccante calabrese potrebbe essere trattenuto anche per il prossimo turno di campionato dei rossoblu, domenica al “Dall’Ara” contro il Torino, visto che in caso di infortunio a Destro l’unico arruolabile diventerebbe il diciottenne Okwonkwo. Questo farebbe inevitabilmente slittare a lunedì prossimo l’approdo di Floccari in biancazzurro.

Il dg della SPAL Davide Vagnati ha fatto il punto a margine della conferenza stampa di presentazione di Tommaso Costantini: “Stiamo aspettando, ma i nostri intenti mi sembrano chiari. Certe dinamiche sono normali nel mercato e non c’è da stupirsi. Aspettiamo il via libera dal Bologna, ma non abbiamo scadenze. L’unica scadenza è il 31 gennaio. Personalmente mi auguro che entro la settimana possa muoversi qualcosa, d’altra parte il giocatore mi risulta ancora in uscita. C’è stata una trattativa già chiusa. Ma fino a che non arriverà il via libera non possiamo che attendere. Il ragazzo ha detto che la SPAL è l’unica società per cui lascerebbe il Bologna, sicché siamo fiduciosi. La partita di Coppa ha frenato un po’ l’operazione, chiaro che vorremmo averlo il prima possibile”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0