Il Pres non esclude ulteriori arrivi: Da qui al 31 gennaio può ancora succedere qualcosa

Durante la conferenza stampa di presentazione di Sergio Floccari sono intervenuti sia il presidente della SPAL, Walter Mattioli, che il patron Simone Colombarini.

Mattioli è il primo a fare il punto della situazione in casa SPAL: “Abbiamo lasciato andare via quei giocatori che volevano giocare, rinforzandoci con altri che secondo noi sono all’altezza della situazione senza alcun dubbio. Comunque, il mercato non è ancora chiuso, nei prossimi giorni vedremo quali scenari possono aprirsi all’orizzonte. Da qui al 31 gennaio c’è la possibilità che succeda ancora qualcosa, sia in entrata sia in uscita: se altri ragazzi manifestano la loro intenzione di andare via, noi non ci metteremo certo di traverso. La società ha dimostrato ancora una volta di avere le idee ben chiare: questa operazione penso che abbia fatto capire, ad addetti ai lavori e non, cosa è in grado di fare e cosa intende continuare a fare. Ma mi sento in dovere di fare i complimenti anche a Vagnati perché è stato bravo a fare abbracciare la nostra causa a un giocatore importante come Sergio Floccari. Che altro volete che vi dica? Sono contento. Soprattutto perché anche questa sera ho visto un nutrito gruppo di tifosi a sostenerci, li ringrazio di cuore. Tutto quello che stiamo facendo lo facciamo per loro: da troppo tempo non vivevano una gioia sportiva tale, è giusto che continuino a cullare questo sogno. Chissà dove l’onda d’entusiasmo ci può portare…”.

Colombarini poi racconta di come la trattativa non sia stata praticamente mai in discussione: “Se questa sera siamo qui per presentare Sergio Floccari è perché lui ha voluto fortemente venire a giocare alla SPAL, senza nulla togliere alla caparbietà di Vagnati nel condurre la mediazione. Ma la volontà del giocatore di aggregarsi alla nostra squadra per continuare questo progetto è stata fondamentale. Non era facile riuscire a trovare un tassello che riuscisse a rinforzare una rosa già molto competitiva, ma con questo innesto credo proprio che ci siamo riusciti. La classifica ci ha spinto a fare un ulteriore sacrificio, continuiamo a sognare”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0