Senza Giani e con Meret in dubbio, Semplici valuta le alternative: Servirà la migliore SPAL

Chiusa la parentesi invernale del calciomercato per la SPAL è tempo di pensare solo ed esclusivamente al campionato. Sabato al Paolo Mazza di Ferrara arriva l’Ascoli. La squadra allenata da Aglietti naviga nelle zone tranquille della classifica (dodicesimo posto a quota 28 punti, con una gara da recuperare) ma è in striscia positiva da cinque partite e soprattutto può vantare il secondo miglior ruolino di marcia in trasferta del campionato: in dodici gare lontana dal Del Duca i marchigiani hanno collezionato quattro vittorie e altrettanti pareggi.

Nelle prime battute della consueta conferenza stampa della vigilia mister Semplici torna sul mancato arrivo di Lodi: “Se non è venuto qui si vede che non aveva le giuste motivazioni per farlo, noi siamo contenti lo stesso e io lo sono della rosa che ho a disposizione”. A proposito del gruppo, dopo le cessioni non ci saranno più problemi con le convocazioni: “Volendo potevo rimanere anche con ventisei giocatori perché non avevo assolutamente nulla contro con chi è andato via, ma così sono convinto che cosi sia meglio per tutti: si lavora con più serenità durante la settimana, senza dovere lasciare fuori dei ragazzi dalle esercitazioni negli allenamenti per alternarli”.

Sabato non ci sarà Giani, squalificato: “L’assenza di Nicolas è una defezione importante, ma non sono preoccupato perché ho alternative di cui mi fido. Giocherà Cremonesi? Non e detto che giochi lui, Gasparetto sta rientrando in forma. E c’è pure Silvestri che mi da garanzie. Posso vagliare diverse soluzioni quindi deciderò appena prima della partita chi sostituirà il capitano”. Stesso discorso per Costa? È ancora presto per il suo debutto da titolare? “Il mio staff tecnico ed io stiamo valutando: stanno bene sia lui che Del Grosso quindi anche per il ruolo di esterno sinitro non posso dirvi di più. Ritentate e forse sarete più fortunati (ride; ndr)”.

Castagnetti a Vicenza è apparso un po’ in difficoltà, è probabile che si accomodi in panchina a vantaggio di Pontisso? “Simone sta bene e si sta allenando con il gruppo, al contrario di Meret che è in forte dubbio per sabato, anche se proveremo a recuperarlo fino all’ultimo. Per quanto riguarda Michele cosa volete che dica? Non ha giocato una delle sue migliori partite, è vero, ma non posso bocciare uno perché ha sbagliato cinque passaggi. Le giornate storte capitano a tutti. Do fiducia alla squadra, l’importante sarà avere calma e sangue freddo nel momento in cui ci troveremo ad affrontare squadre che si chiudono come il Vicenza. Arini? Tornerà ad avere spazio, tutti conosciamo il suo valore e le sue qualità, così come lui sa che è importante per noi”.

Quindi è presumibile che pure l’Ascoli imposti la partita per difendere e pungere in contropiede: “Probabile. Più che altro sono in salute: lo dimostra il pareggio in extremis conquistato a Cesena. Servirà la SPAL dei tempi migliori, insomma non quella di Vicenza dove siamo stati sotto tono. Dobbiamo provare a fare la partita, facendo girare la palla”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0