L’eredità di Beghetto non sembra essere un peso per Costa: Penso solo a fare del mio meglio

Si può dire che il periodo di rodaggio di Filippo Costa può essere considerato concluso. L’esterno ex Chievo sabato scorso ha debuttato al Paolo Mazza contro l’Ascoli, facendo vedere cose interessanti. Anche se il diretto interessato è il primo a dire che si può sempre fare meglio: “Posso sicuramente dare di più, credo che la mia prestazione sia stata discreta. Penso si sia visto che mi mancava un po’ di ritmo partita. Devo solo continuare a impegnarmi e la condizione arriverà”. La prima al Mazza con la maglia biancazzurra ha anche permesso a Costa di assaporare il clima creato dai tifosi: “E’ stata una bella emozione. Ero stato qui due anni fa da avversario col Pisa, ma non credo ci fosse stata così tanta gente. Sono rimasto impressionato”.

Si diceva del rodaggio. Con Costa mister Semplici ha adottato il suo procedimento standard, da cui sono passati anche Vicari e Bonifazi, di lavorare in allenamento prima di schierare il giocatore nella formazione iniziale: “Il mister è bravo e da subito mi ha messo sotto per capire le sue idee di gioco. Sono stato inserito gradualmente e penso sia una cosa normale, anche perché prima di giocare dovevo far pratica su alcuni movimenti tattici. Solo uno come Floccari può arrivare qui e giocare subito, ma Sergio con me c’entra niente, è roba da altra categoria (sorride)”. Un veterano, un po’ come Del Grosso che a Costa contende la maglia da titolare per la fascia sinistra: “Non c’è alcun dualismo tra me e Cristiano. Lui è uno che ha fatto una signora carriera e può solo essere un punto di riferimento per me. E’ un po’ come a scuola: il prof sa le cose, lo studente deve ascoltarlo e imparare”. Sullo sfondo, l’ombra di Beghetto, elemento difficile da far dimenticare, almeno sul breve termine: “Ho avvertito questo genere di sentimento, ma in tutta onestà cerco di non pensarci. Penso solo a fare bene per me stesso, senza farmi condizionare da chi è venuto prima di me. Chiaro che Andrea è diventato un giocatore importante e per lui parlano i numeri che ha messo insieme nel pezzo di campionato che ha fatto qui. Mi auguro di poter essere all’altezza per non farlo rimpiangere”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0