Il Diavolo non fa paura alla Primavera: Scarparo colpisce nel finale, sbancato il Vismara

La SPAL si conferma la bestia nera del Milan in questa stagione, vincendo con un gol di Scarparo all’ultimo minuto (con grande merito) la sfida del “Vismara”. Una partita in cui entrambe le squadre avrebbero potuto sbloccare il risultato, anche se qualcosa in più lo hanno fatto proprio i ragazzi di Rossi, autori di una prestazione di grande organizzazione e sacrificio, che hanno anche fallito con Vago un rigore al 58’.

La partita non comincia benissimo per i biancazzurri, con Strefezza che dopo pochi secondi viene toccato duro e già al 6’ è costretto ad uscire dal campo. Il possesso palla, sin dalla propria area di rigore, è soprattutto nella mani del Milan, ma la SPAL con sagacia tattica cerca di pressare alto, come al 3’ quando Artioli recupera palla al limite dell’area, Vago tira, la sua conclusione viene deviata e Ubaldi ci mette la mano per controllarla davanti a Plizzari. Quando i rossoneri alzano il ritmo delle giocate però le cose si complicano e al 14’ Cutrone non arriva col tempo giusto sul bel cross di Bellanova, una delle note più liete del primo tempo per Nava. I ragazzi di Rossi non stanno certo a guardare e rispondono colpo su colpo. Prima con un tiro dalla distanza di Boccafoglia e poi con Ubaldi che si mangia il gol dell’1-0, solo davanti alla porta di testa, sul bell’invito di Di Pardo da destra. Nel resto del primo tempo succede davvero poco, con il Milan che ci prova, ma i suoi tentativi sono molto velleitari, complice anche un’ottima organizzazione tattica dei ferraresi. L’unico tiro sul quale Thiam deve sporcarsi i guanti arriva al 42’ con un sinistro di Bellanova.

Il Milan comincia la ripresa premendo con più convinzione e collezionando calci d’angolo, con la SPAL che fatica a ripartire. La partita si accende al 57’ però e per merito dei biancazzurri che riescono nuovamente a pressare alto, portando Altare ad un intervento ingenuo su Vago in area; dal dischetto si presenta lo stesso numero undici che sceglie di calciare di potenza e prende in pieno la traversa. Il Milan risponde subito con un tiro a giro di Cutrone sul quale Thiam deve allungarsi in calcio d’angolo. Al 65’ i padroni di casa cercano lo schema su punizione, con El Hilali che serve Cutrone posizionato dietro la barriera, Thiam esce alla disperata colpendo forse anche la punta rossonera, ma per il direttore di gara è tutto regolare. Nella SPAL esce un deluso Vago e proprio il neo-entrato Cantelli, al 74’, serve bene Ubaldi che pecca di egoismo e calcia fuori sul primo palo. Le squadre sono visibilmente stanche e gli spazi aumentano. All’84’ Pobega impegna Thiam dalla distanza, ma è quattro minuti dopo che il portiere spallino deve superarsi nel respingere la conclusione di sinistro di Cutrone. Come sempre succede nel calcio, a un gol sbagliato corrisponde un gol avversario e la SPAL trova la rete decisiva a un minuto dal termine quando Scarparo, appena lanciato nella mischia da Rossi, approfitta di un’indecisione di Plizzari sulla punizione di Maranzino e mette il pallone in rete, mandando in delirio i biancazzurri.

Il volto sorridente e soddisfatto di mister Roberto Rossi vale già molto più di ogni parola sulla prestazione dei suoi: “Quella di oggi, rispetto all’andata, è stata una partita combattuta, sofferta, in cui abbiamo giocato come dovevamo, stando molto attenti e pronti a ripartire. Potevamo andare in vantaggio sul rigore, non è stato così, ma i ragazzi sono stati bravi a crederci fino alla fine e con un po’ di fortuna l’abbiamo portata a casa. Che poi il gol lo abbia segnato Scarparo è stato più fortuna che una mossa azzeccata dal sottoscritto, anche se un allenatore ci spera sempre. Con questi tre punti su un campo difficile avremo ulteriori motivazioni per fare ancora meglio nel prosieguo del campionato. È chiaro che noi quest’anno siamo partiti con un po’ di curiosità, anche perché la SPAL mancava da ventitré anni al campionato Primavera e sinceramente avrei mai pensato di avere così tanti punti ad oggi, ma credo che la cosa più importante resti la crescita dei ragazzi, che rimane la cosa da valutare con più attenzione”.

LINK: I risultati della 17^ giornata nel girone A e la classifica.

Milan-SPAL 0-1 (pt 0-0)

Milan (4312): Plizzari; Bellanova, Bellodi, Altare, Llamas (dal 38’ s.t. Agnero); Modic, El Hilali (dal 34’ s.t. Pobega), Torrasi; Forte (dal 16’ s.t. Hadziosmanovic); Hamadi, Cutrone. A disp.: Del Ventisette, Curto, Iudica, De Piano, Zhikov, Gabbia, Tsadjout, Sinani. All.: Nava.

SPAL (352): Thiam; Boccafoglia, Ferrari, Granziera; Strefezza (dal 6’ p.t. Cicognini), Di Pardo, Maranzino, Artioli, Picozzi; Vago (dal 28’ s.t. Cantelli), Ubaldi (dal 40’ s.t. Scarparo). A disp.: Seri, Anostini, Righetti, Foschini, Spaltro, Boreggio, Clement, Babloni. All.: Rossi.

ARBITRO: Sig. Amabile di Vicenza (ass.ti: Ibrhaim e Gualtieri)
RETI: 44’ s.t. Scarparo (S).
AMMONITI: Ubaldi (S), Boccafoglia (S), El Hilali (M), Maranzino (S), Pobega (M).
NOTE: serata con cielo coperto, campo in cattive condizioni. Angoli: 7-0. Recuperi: 3′ p.t, 4′ s.t.

(foto dal profilo Facebook di Gianluca Ranzani, team manager SPAL Primavera)

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0