Nella debacle contro Imola si salvano solo Cortese e Soloperto. Bowers e T-Rod deludono

La prestazione della Bondi contro Imola la raccontano i numeri, oltre alle eloquenti dichiarazioni post-partita di coach Furlani. Difficile trovare qualcuno in grado di salvarsi in una delle serate più complicate vissute quest’anno al Pala HiltonPharma.

Soloperto 6: il capitano gioca poco, solo 13 minuti, ma non sfigura nonostante la serataccia della squadra. Si iscrive a referto con 5 punti.

Mastellari 4,5: Furlani gli concede 20′, ma lui non è mai nel vivo del gioco, infatti non segna neanche un punto e chiude con una virgola.

Cortese 6: è l’unico a salvarsi nella debacle della Bondi. Segna 15 punti, aggiungendo 7 rimbalzi. Ma soprattutto è uno dei pochi che questa sera ci ha messo intensità in difesa, sacrificandosi nel marcare Hassan e Norfleet.

Bowers 5: senza alcun dubbio la peggior performance di Laurence da quando è in biancazzurro. Fa a sportellate tutta la gara con Ranuzzi e Maggioli ed esce sconfitto dalla battaglia. Non arriva in doppia cifra, cosa quasi inspiegabile per un giocatore del suo talento.

Moreno 5,5: Cohn è un cliente difficile da marcare e il dispendio di energie in fase difensiva gli fa perdere un po’ di lucidità in attacco, dove fatica a tenere in mano il pallino del gioco. Va comunque in doppia cifra con 10 punti.

Pellegrino 5: rimandato all’esame sostenuto di fronte al professor Maggioli. Ma in realtà soffre pure il suo assistente Paci. Nonostante faccia una fatica enorme lotta come un leone, questo gli permette di chiudere la gara con delle discrete cifre: sfiora la doppia-doppia mettendo a referto 10 punti, collezionando 9 rimbalzi.

Roderick 4,5: vince la non ambita palma di peggiore in campo. Gioca a dir tanto dieci minuti, in cui mette in mostra le sue potenzialità soprattutto in attacco. Anche perché questa sera in difesa non pervenuto.

Ibarra – ng: gioca solo nel garbage time, sbaglia un tripla aperta.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0