La SPAL brinda con Santero: nuova partnership e maglia celebrativa per il match di lunedì

Se mai dovesse essere un’altra stagione in cui la SPAL si troverà a stappare dello spumante, la società non si farà trovare impreparata. La dirigenza biancazzurra ha infatti ufficializzato una nuova partnership con Santero, azienda piemontese che dal 1958 produce vini e spumanti. L’addetto stampa della SPAL Enrico Menegatti ha introdotto la nuova partnership: “La collaborazione con Santero è già iniziata da qualche settimana e per noi è molto importante. È una famosa azienda produttrice di vini, ma, in particolare, quello che ci riguarda è il settore degli spumanti. E a questo proposito sono in arrivo circa 600 bottiglie personalizzate “SPAL” in vendita allo Store nei prossimi giorni”.

Ma non finisce qui: nelle prossime quattro gare di campionato, quindi Verona, Perugia, Salernitana e Pisa, e le ultime due, Bari e Ternana, ed eventualmente i playoff, la squadra indosserà una maglia speciale, con la firma della Santero, grazie al posto ceduto da Vetroresina.
Il presidente Walter Mattioli, orgoglioso delle risposte del territorio ferrarese nei confronti della società biancazzurra, ha speso parole molto positive per questo nuovo sodalizio: “La SPAL sta andando bene e ci sono nuovi sponsor che credono nel nostro progetto e vogliono aderire. È motivo di soddisfazione iniziare una collaborazione con questo famoso marchio piemontese. Il presidente Franco Santero oggi ha avuto un contrattempo, ma lo inviteremo nuovamente in un’altra occasione per una dichiarazione ufficiale. Ho già avuto occasione di assaggiare i loro prodotti e sono di ottima qualità. È un momento molto positivo e mi auguro anche di poter stappare in futuro una bottiglia Santero per un motivo speciale. Approfitto della conferenza per informarvi che a marzo sarà organizzata una festa celebrativa per la titolazione del centro sportivo a Gibí Fabbri. Ci stiamo accordando con la famiglia e saranno presenti tanti suoi ex giocatori, sarà una bellissima giornata”.

È stato infine il dg Davide Vagnati a illustrare nei dettagli il progetto delle maglie speciali in collaborazione con Santero: “Essendo quella con l’Hellas una partita molto sentita e di grande prestigio, volevano celebrarla con una maglia particolare, come abbiamo fatto già in passato in alcune occasioni utilizzando la divisa storica. Abbiamo pensato, assieme ai responsabili marketing Ragusa e Crivellaro, di creare un cimelio per un evento indimenticabile. Così è nata l’idea di questa maglia celebrativa con data e nome dell’incontro, in ricordo di un grande momento di sport, indipendentemente dal risultato. A fine partita, queste maglie saranno messe in vendita allo SPAL Store, così chi vorrà potrà aggiudicarsi quella del proprio giocatore preferito”.

Per Santero questo genere di iniziative non è una novità, avendo collaborato in questo senso già con diverse squadre, tra cui il Chievo, l’Inter e l’Alessandria in occasione della partita di Coppa Italia contro il Milan dell’anno scorso. Tutti i dettagli di vendita sono stati forniti dalla responsabile marketing Simona Ragusa: “Ho iniziato a stuzzicare il dirigente della Santero e quando la classifica ha cominciato a parlare da sé ha abbracciato il progetto SPAL. Le maglie con nome e numero potranno anche essere autografate su richiesta. I tifosi le troveranno in vendita a partire dalla prossima settimana, oppure le potranno già richiedere su prenotazione a partire da domani presso il negozio di via Voltapaletto o all’interno del Centro Commerciale “Il Castello”, dove da domani fino a domenica sarà allestito un banchetto con i prodotti SPAL. Il costo della maglia è di €149, presso lo Spal Store, oppure €119 in prevendita”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0