Allenatori a confronto, Semplici: Tre punti dedicati a Lillo e Pietro. Bucchi: SPAL concreta

Nonostante il risultato sorrida solo alla SPAL, Semplici e Bucchi si sono detti ugualmente soddisfatti delle rispettive squadre. Il tecnico ospite, battuto per la prima volta dal collega, ha riconosciuto ai propri ragazzi il merito di aver dominato il gioco a Ferrara, Semplici invece ha voluto lodare i suoi per la crescita dimostrata nella lettura del gioco e della capacità di soffrire fino alla fine.

LEONARDO SEMPLICI
“Sotto l’aspetto mentale e fisico siamo stati un po’ condizionati dal turno di lunedì. Oggi non abbiamo espresso il nostro gioco migliore, ma ci siamo difesi, meritando questo risultato e questa vittoria. Floccari ci sta dando una grossa mano mettendo a disposizione la propria personalità. È entrato in punta di piedi in questo gruppo e sembra che abbia sempre giocato con noi, è diventato un esempio per il gruppo, è un punto di riferimento. Oggi la SPAL mi ha dato una delle maggiori soddisfazioni da inizio stagione, perché vincere con il Perugia non era facile. La squadra sta crescendo, sta imparando a leggere le partite, dimostrando di credere in ciò che lo staff le propone ogni giorno durante la settimana di allenamenti. Abbiamo affrontato una delle squadre più forti del campionato, non abbiamo concesso palle gol importanti e per questo faccio i complimenti al mio gruppo: successi come questi non valgono tre punti, ma anche quattro. Infine vorrei dedicare questa vittoria a Lillo e Pietro e alle loro famiglie. Le loro vicende ci hanno toccato nel profondo; Lillo era un simbolo del tifo spallino e Pietro è un amico, oltre che il mio vicino di casa. Voglio esprimere tutta la mia vicinanza e solidarietà”.

CRISTIAN BUCCHI

“Purtroppo non è stata la prima partita, e penso non sarà nemmeno l’ultima, dove abbiamo creato tantissimo senza portare a casa nulla. Aver comandato il gioco a Ferrara in questo stadio è sicuramente motivo di soddisfazione per noi, ma il risultato negativo non ci permette di gioirne. I miei ragazzi hanno giocato una grande partita, creando tanto, ma concretizzando poco. In queste gare la differenza la possono fare le giocate dei singoli, com’è stato oggi con l’eurogol di Floccari e l’azione di contropiede finalizzata da Schiattarella. Rimane tanto rammarico, ma nessun rimorso, rifarei le stesse scelte per quanto riguarda la formazione. La SPAL è una grandissima squadra e ha dimostrato grande rispetto nei nostri confronti, aspettandoci nella propria metà campo, lasciandoci il pallino del gioco. E infatti il dispiacere  è doppio proprio perché abbiamo tenuto sempre la palla noi”.

0