Ferrara sogna, Semplici invita alla calma: Siamo cresciuti, ma c’è ancora tanta strada davanti

La SPAL ha ripreso giovedì pomeriggio gli allenamenti in via Copparo dopo la lunga trasferta di martedì scorso. Un vero tour de force per i biancazzurri che sabato sfideranno al “Mazza” il Pisa di Gennaro Gattuso. Mister Semplici prepara la gara contro i toscani con il morale alle stelle e la sicurezza di disporre di un grande gruppo che finora non lo ha mai deluso: “Abbiamo organizzato il ritorno da Salerno in modo che i ragazzi potessero recuperare al meglio le energie in vista del prossimo appuntamento di calendario. È stata una trasferta lunga e impegnativa, ma adesso pensiamo al Pisa. Devo ringraziare il mio gruppo per quanto avvenuto martedì, hanno tradotto nel miglior modo sul campo le scelte di cui io e il mio staff eravamo convinti alla vigilia. L’aver giocato una buona gara anche con tanti cambi nella rosa dimostra ancora una volta che tutti i miei uomini possono essere titolari determinanti per l’obiettivo finale della SPAL”.

Con una serie positiva di nove partite e il secondo posto a una sola distanza dalla capolista Frosinone, ormai in città si comincia a parlare insistentemente di promozione diretta. Semplici è orgoglioso del lavoro svolto finora, ma insiste nel non dare nulla per scontato perché il cammino è ancora lungo: “In questi giorni ho sentito tanto parlare di serie A. A questo proposito mi sento di prendere le distanze da quello che è stato scritto sui giornali. Il nostro obiettivo principale è sempre stato la salvezza, ovviamente si è ridimensionato in seguito all’andamento della stagione, ma non per questo deve essere data per scontata qualsiasi altra ambizione. Abbiamo fatto passi da gigante, ma ci aspettano ancora tante gare difficilissime e ne dobbiamo portare a casa ancora parecchie di prestazioni positive se vogliamo rimanere a determinati livelli. Non possiamo permetterci di perdere l’identità di gioco che ci ha sempre contraddistinto se vogliamo continuare così ed è quindi mio compito tenere la squadra con i piedi per terra. È giusto che i tifosi sognino, ma non vorrei che qualche giocatore si illudesse di aver già raggiunto chissà quale traguardo quando ancora ci mancano quattordici partite, e nessuna di queste sarà una passeggiata, a partire da quella contro il Pisa di sabato prossimo”.

I nerazzurri arrivano a Ferrara potendo contare sulla miglior difesa del campionato, anche se il loro attacco rimane il peggiore della cadetteria. Le vicende societarie che hanno spesso reso precario il cammino del Pisa a inizio stagione hanno unito molto la squadra, che fa della sua compattezza il proprio punto di forza, secondo mister Semplici: “Il Pisa è una buona squadra, guidata da un allenatore con caratteristiche particolari, tra cui una grande grinta che riesce a trasmettere ai propri uomini. Temo l’organico nella sua interezza, non c’è un giocatore che mi preoccupa più degli altri. I momenti di difficoltà vissuti a inizio anno a causa dei problemi societari hanno compattato il gruppo e infatti incontreremo una squadra molto solida, che ci concederà pochissimi spazi. Noi li rispetteremo e cercheremo di portare avanti la nostra filosofia di gioco, con una consapevolezza ancora maggiore nei nostri mezzi dopo la vittoria di martedì”.
All'”Arechi” chi finora si è visto meno in campo ha dimostrato di possedere condizione, personalità e attributi per essere schierato dal primo minuto. Una garanzia in più per il tecnico in vista del calendario assai poco clemente dei prossimi mesi: “A grandi linee contro il Pisa penso di riproporre la formazione vista sabato scorso con il Perugia, anche se devo ammettere che le prestazioni che positive viste martedì da parte di qualcuno mi mettono qualche dubbio in più e questo per un allenatore è fondamentale. Sicuramente il valore aggiunto della SPAL è il fatto di disporre di una propria fisionomia di gioco indipendente dagli undici titolari, e questa è un’eredità ormai consolidata che ci portiamo dietro dall’anno scorso. Voglio ringraziare i miei ragazzi che si allenano con impegno e determinazione e ogni volta che viene offerta loro l’occasione dimostrano che la rosa  sia valida nella sua totale interezza”.

È ancora presto per fare nomi, ad oggi non vi sono indisponibili in vista di sabato. Piena fiducia di Semplici anche nei confronti di Arini, domani assente agli allenamenti per l’impegno dinanzi al Tribunale Federale, a causa delle vicende di calcio-scommesse dell’Avellino, in cui è stato tirato in ballo anche il nome del centrocampista spallino: “Il gruppo, almeno salvo imprevisti, dovrebbe essere disponibile al completo, ieri non si sono allenati solo Bonifazi e Pontisso, che hanno risentito di un po’ di stanchezza. Arini per me è arruolabile a tutti gli effetti, confido pienamente nella serietà e buonafede del giocatore e dell’uomo”.

0