Non basta l’eurogol di Antenucci: un errore di Cremonesi e il Pisa fermano la SPAL sull’1-1

Il duello infinito dell’anno scorso si ripropone ancora una volta, ma in Serie B. Le condizioni delle due formazioni sono cambiate molto, soprattutto per i toscani, che tra penalizzazioni e una rosa non di primissimo livello stanno facendo i salti mortali per conquistare la permanenza in cadetteria. Dalla parte opposta l’undici disegnato da Semplici continua a far sognare una piazza che sembra non volersi svegliare più, anche se quest’oggi è lecito avere un po’ di amaro in bocca.

La SPAL parte subito ai cento all’ora provando a sorprendere i toscani, tanto da arrivare alla conclusione già dopo 40’’ con Floccari che alza di poco sopra la traversa. Gli ospiti provano ad arginare la spinta spallina con un agonismo decisamente troppo sopra le righe, consentito anche da una direzione di gara più che permissiva. Dalla panchina Semplici invita alla calma i suoi chiedendo di non cadere nelle provocazioni e al 20’ può esultare: Schiattarella apre di tacco per Lazzari che mette in mezzo trovando la deviazione in sforbiciata al volo di Antenucci. La rete del vantaggio spallino raffredda gli animi pisani che sembrano perdere con il passare dei minuti la carica tipica del Gattuso d’annata, ma la rete del pareggio arriva comunque su rigore, con Mannini che capitalizza al meglio un grossolano fallo di mano di Cremonesi.

La ripresa si apre con un’occasionissima per i padroni di casa, ancora una volta con Antenucci che, approfittando di uno svarione difensivo degli ospiti, prova un diagonale velenoso sventato brillantemente da Ujkani. Al 50’ ci prova anche Lazzari con una delle sue solite incursioni sulla fascia, ma la seguente conclusione di Floccari trova la respinta del muro toscano. La partita con il passare dei minuti cala inevitabilmente di ritmo e gli spallini faticano a trovare spazi nelle strette maglie pisane: Semplici prova il tutto per tutto mandando in campo Zigoni al posto di Castagnetti a 20’ dal termine, ma gli effetti non sono quelli sperati. Antenucci lascia spazio a Finotto, ma le speranze del tecnico fiorentino però si schiantano nella barricata ospite e con loro anche la possibilità di conquistare la vetta in solitaria, almeno per quarantotto ore. Poco male. Tra una settimana, ancora al Paolo Mazza, sarà derby con il Cesena.

SPAL-PISA 1-1 (1-1)

SPAL (3-5-2): Meret; Bonifazi, Vicari, Cremonesi; Lazzari (dal 47’ Ghiglione), Schiattarella, Castagnetti (dal 27’ Zigoni), Mora, Costa; Antenucci, Floccari. Antenucci, Floccari. A disp.: Marchegiani, Gasparetto, Arini, Giani, Finotto, Schiavon, Del Grosso. All.: Semplici.

PISA (4-3-3): Ujkani, Golubovic, Del Fabbro, Milanovic, Longhi; Tabanelli (dal 25’ st Verna), Di Tacchio, Angiulli; Mannini (dal 33’ st Gatto); Masucci, Manaj (dal 11’ st Cani). A disp.: Cardelli, Birindelli, Lazzari, Peralta, Zonta, Zammarini. All.: Gattuso.

MARCATORI: 21’ pt Antenucci (S), 41’ pt rig. Mannini (P).
AMMONITI: Mannini (P), Manaj (P), Costa (S), Cremonesi (S), Tabanelli (P), Schiattarella (S), Del fabbro (P), Longhi (P).
NOTE: terreno in buone condizioni, calci d’angolo 9-9.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0