La U17 vede biancorosso e si accende: Parolin-Mastromettei, Vicenza battuto di nuovo

Vedere le maglie del Vicenza evidentemente fa bene alla SPAL Under 17 visto che contro i biancorossi è arrivata la seconda vittoria stagionale che fa il paio con quella colta durante il girone d’andata. I ragazzi di mister Cottafava hanno avuto la meglio su avversari di fatto mai realmente pericolosi se si fa eccezione per un finale un po’ concitato che ha fatto sudare i presenti in via Copparo. Il 2-1 finale rispecchia a fondo una gara emozionante, dominata per larghi tratti dai padroni di casa che oltre a portare in cascina i classici tre punti possono sorridere per una prestazione di sostanza, in cui sono arrivate risposte confortanti da ogni singolo giocatore. La primavera è ormai alle porte e chissà se, dopo un lungo inverno costellato da alti e bassi, le giovani gemme biancazzurre siano pronte finalmente a sbocciare.

Pronti e via, si capisce subito che può essere la partita di Parolin. La posizione fra le linee del numero dieci sembra non trovare risposte ed il ragazzo sfrutta la situazione producendo le prime occasioni pericolose di marca spallina: al 7’ il suo tiro è forte ma troppo centrale, mentre al 17’, dopo un buon lavoro di Clement, il suo destro radente esce di pochissimo alla destra del portiere Michelon. La SPAL ha il pallino del gioco ed il Vicenza, di contro, non riesce a mettere il naso fuori dal bunker, grazie ad un ottimo lavoro del centrocampo ferrarese in cui spicca il dinamismo di Sare. Al 35’ la gara si sblocca quando il terzo tentativo da fuori di Parolin va finalmente a buon fine. La conclusione dal limite viene leggermente deviata, ma poco importa: il vantaggio è meritato. Subito dopo potrebbe arrivare anche il clamoroso raddoppio, ma Clement non è abbastanza freddo davanti al portiere e lascia invariato il punteggio di un primo tempo emozionante.

La ripresa inizia lo stesso col botto e dopo il mancato tap-in di Clement sotto porta, servono due miracoli dell’estremo difensore vicentino (il migliore dei suoi) per negare la gioia del raddoppio prima a Mastromattei e poi ancora all’attaccante svizzero. La SPAL continua a giocare come se non fosse mai andata negli spogliatoi, mentre il Vicenza, nonostante la terza punta ed un pizzico di grinta in più, fatica ad impensierire Campi. I biancazzurri sembrano vicinissimi a chiuderla con il raddoppio, ma come spesso già accaduto quest’anno, le troppe reti sbagliate vengono pagate a caro prezzo. Il conto lo presenta al 18’ il centrocampista biancorosso Mazzaretto, che raccoglie una respinta corta della difesa spallina e trova l’angolo giusto alla destra di Campi, per un pareggio che arriva come un fulmine a ciel sereno. Sembra il preludio di un altro pomeriggio di rimpianti, ma la grinta e la carica messa in mostra dai giocatori spallini non conosce ostacoli. La risposta è infatti immediata ed il gol che riporta di nuovo avanti i padroni di casa arriva subito: Spaltro sfonda centralmente da destra e trova sul filo del fuorigioco il perfetto taglio di Mastromattei, che davanti al portiere non può sbagliare. 2-1 e tutti ad abbracciare il numero nove, autore di una grande prova nonostante qualche piccola intemperanza. Negli ultimi dieci minuti la reazione disordinata del Vicenza crea qualche brivido alla SPAL, ma alla fine nulla riuscirà a toglierle i tre punti, mai come oggi voluti e pienamente meritati.

Nel dopo gara Cottafava manifesta una gioia contenuta, esprimendo però una logica soddisfazione: “Visto com’era finita anche all’andata dovremmo giocare solo con il Vicenza, – scherza subito l’allenatore – sono contento soprattutto per i miei ragazzi, quando vinci la soddisfazione è al massimo e migliorando l’umore si può fare bene sotto tutti gli altri aspetti. Come quando perdiamo e pareggiamo però dobbiamo tenere bene a mente che il nostro obbiettivo è la crescita, il continuare sulla nostra strada allenandoci e preparandoci al meglio durante la settimana. Oggi abbiamo avuto la conferma che gli sforzi del duro lavoro pagano e dobbiamo mantenere sempre questa convinzione”. Poi un pensiero ai troppi gol sbagliati: “E’ il denominatore comune di questa stagione, molte partite potevano essere chiuse o addirittura vinte con largo anticipo ed anche oggi ci siamo complicati la vita sbagliando proprio sul più bello. Fare gol nel calcio è la cosa più difficile, ma ho fiducia che miglioreremo anche sotto questo aspetto”. L’appuntamento per confermare gli ottimi progressi visti oggi arriverà tra una settimana in terra sarda, in casa dell’ostico Cagliari.

LINK: I risultati della 21^ giornata nel girone B e la classifica.

SPAL-Vicenza 2-1 (pt 1-0)

SPAL (3-4-1-2) Campi, Spaltro, Ferrari, Cannistrà, Aguiari, Amore (dal 16’ s.t. Pellielo), Clement (dal 38’ s.t. Tomasini), Sare, Mastromattei (dal 34’ s.t. Fogli), Parolin (dal 14’ s.t. De Angelis), Pertica. A disp. Limaj, Zanella, Mantovani, Allegretto, Scognamiglio. All. Cottafava.

VICENZA (4-3-1-2): Michelon, Forestan, Barizza (dal 1’ s.t.  Forte), Bettiol (dal 14’ s.t. Amici), Bozzato (dal 7’ s.t.  Venturini), Ruviero (dal 7’ s.t. Addolori), Benetti (dal 36’ s.t. Mosele), Mazzaretto, Olivato, Tardivo, Okoli. A disp. Dalla Valle, Caregnato, Caramello. All. Saviolo.

ARBITRO : Sig. Bodini sez. di Verona. Ass.ti Liccardo di Ferrara-Fini di Finale Emilia
MARCATORI Parolin (S) al 35’ p.t., Mazzaretto (V) al 18’ s.t., Mastromattei (S) al 25’ s.t.
AMMONITI:  Mastromattei (S) e Clement (S)

0