Antenucci in stato di grazia, ma c’è anche il contributo di Meret. Mora e Costa a due facce

La SPAL si proietta verso la vetta della B con un pesante successo per 2-0 sul Cesena, legittimato in particolare da un ottimo secondo tempo. Andiamo ad analizzare nel dettaglio le singole prestazioni dei biancazzurri.

MERET 7 – Alla mezz’ora nega la gioia del gol a Crimi con un provvidenziale intervento con i piedi. Si ripete a metà della ripresa con un bel volo sulla punizione a giro di Di Roberto. Cosa chiedergli di più?

BONIFAZI 6,5 – Sembra aver ritrovato una buona condizione atletica dopo la settimana intera di lavoro. Non costretto agli straordinari come in altre occasioni fino al momento dell’inferiorità numerica, dove gli attacchi del Cesena, seppur timidi, si fanno più insistenti.

VICARI 6,5 – In avvio di gara chiude elegantemente diverse situazioni potenzialmente pericolose, meritandosi gli applausi del pubblico. Tiene ordinato il reparto per tutti la gara senza perdersi in sbavature.

CREMONESI 7 – L’approccio deciso e determinato alla gara è quello di un calciatore che ha qualcosina da farsi perdonare. Mette in campo un buonissimo mordente ed è bravo negli anticipi, molto spesso secchi e puliti. E’ protagonista della deviazione aerea prima della zampata di Antenucci. Da segnalare anche il miracolo difensivo di metà ripresa su Cocco.

LAZZARI 7 – Dopo otto (8!) secondi fa capire a capitan Renzetti che il suo pomeriggio ferrarese non sarà dei più comodi. Ovviamente, da una sua discesa arriva la scossa per la squadra che sull’azione successiva realizza l’1-0. Costante garanzia di spinta per tutta la partita.

SCHIATTARELLA 6 – Non sembra aver nelle gambe la brillantezza delle giornate migliori. Paradossalmente nella ripresa cresce, aggiungendo qualità al binario destro con Lazzari. Per eccesso d’irruenza nel duello con Kone si becca un giallo pesante che lo costringerà a saltare la trasferta di Carpi.

CASTAGNETTI 5,5 – Lento nella copertura della zona centrale e troppo impreciso negli appoggi. Fatica a verticalizzare il gioco come vorrebbe. La tribuna centrale non gli perdona nulla durante il match, ma lo applaude nel momento della sostituzione. (Dal 18′ s.t. ARINI 6 – Entra con il preciso compito di dare peso e sostanza al centrocampo spallino).

MORA 6,5 – E’ il protagonista assoluto della prima metà del secondo tempo: prima trova il gol del 2-0 con un inserimento fantastico dei suoi. Poi, nel giro di quattro minuti, si becca due gialli che costringono la squadra all’inferiorità numerica nel finale.

COSTA 6,5 – Il Cesena prova ad affondare sulla sua corsia. Con i mezzi che ha a disposizione tenta di ribattere colpo su colpo e condisce la sua buona prestazione con il telecomandato assist per Mora. Peccato per il rosso in chiusura che macchia un pomeriggio fin lì ottimo.

ANTENUCCI 7 – Il piazzamento sul secondo palo in occasione del vantaggio è da giocatore di capacità superiore nella lettura delle situazioni di gioco. Undicesima gioia stagionale e meritata standing ovation. E’ in stato di grazia. (dal 27′ s.t. SCHIAVON 6 – Entra per garantire maggior equilibrio difensivo alla squadra. Chiude come terzino sinistro).

FLOCCARI 6,5 – Lavora tanto. Passa gran parte della partita con le spalle rivolte verso la porta di Agazzi e pur in queste condizioni non spreca un pallone. Preziosissimo. (dal 41′ s.t. ZIGONI s.v. – Poco tempo per poterlo giudicare anche se contribuisce alla sofferenza finale quando la squadra rimane in nove uomini).

All.: SEMPLICI 7,5 – Conferma in toto l’undici che sabato scorso si era arenato con il Pisa. La SPAL offre un’altra prestazione da grande squadra dimostrando di saper soffrire, ma anche di possedere una notevole dose di cinismo. La sua formazione si presenterà a Carpi con 55 punti e il primo posto in classifica da difendere con le unghie e con i denti.

0