Bondi padrona del proprio destino, Bulgarelli e Furlani chiedono un finale in crescendo

La pesantissima vittoria della Bondi Ferrara sul campo della Fortitudo Bologna ha reso decisamente più dolce la settimana in casa biancazzurra, al netto di qualche piccolo strascico polemico. Per sottolineare l’importanza del successo del PalaDozza e gettare acqua sul fuoco in merito allo spiacevole episodio nell’immediato post-partita (e oltre) è intervenuto pubblicamente Fabio Bulgarelli: “Parto da quanto successo domenica, – ha detto il presidente – per me l’episodio è da considerare archiviato. I rapporti tra le due societàsono ottimi e ieri da Bologna mi hanno telefonato scusandosi per l’accaduto. Io e mia moglie comunque non ci avevamo dato alcun peso. Contemporaneamente, la Pallacanestro Ferrara si scusa con la Fortitudo perché Michele De Palo (storico speaker della Bondi), pur non essendo un nostro tesserato è entrato con un nostro accredito. Quindi saremo più attenti a fare posizionare le persone nei posti corretti, anziché lasciarli in altri. Non voglio entrare nel merito di quanto scritto da De Palo in un editoriale su “Il Resto del Carlino”, perché le considerazioni sono esclusivamente sue. Mi auspico che la vicenda sia chiusa qua per evitare di creare tensioni”.

Messo da parte l’inconveniente, Bulgarelli si è concentrato sul momento della squadra: “In questa stagione sono successe cose che hanno dell’incredibile e abbiamo fatto vittorie del tutto inaspettate. Voglio ringraziare in particolare Adriano e Andrea (Bonacina, il vice-coach) per il lavoro che stanno facendo. Abbiamo regalato partite importanti all’interno di un campionato di altissimo livello. Speriamo finalmente di esserci scrollati di dosso la paura di non potercela fare e quindi di riuscire ad avere ragione anche delle squadre sulla carta meno quotate. La svolta è arrivata grazie a Furlani che ha dato una quadratura dal punto di vista mentale. Ora ci restano sei partite da giocare e possibilmente vincere, per salvarsi ma anche per essere ambiziosi perché le potenzialità ci sono”.
Il presidente ha voluto spendere qualche parola per elogiare i tifosi: “Sono molto soddisfatto del connubio creato con la tifoseria, lo abbiamo visto anche domenica con tanti dei nostri al PalaDozza. La politica di prezzi bassi e condivisione dei progetti ci ha permesso di creare un valore aggiunto. Sta crescendo un movimento di curva in cui entrano dei giovani e questo ci dà soddisfazione”.

Alle considerazioni di Bulgarelli si è agganciato brevemente coach Adriano Furlani: “In termini di classifica ci siamo creati una specie di tesoretto che non dobbiamo disperdere. E’ giusto coltivare l’ambizione, ma dobbiamo fare in modo che la squadra trovi una sua tranquillità nel percorso che sta facendo. Domenica andiamo a incontrare una delle avversarie più pericolose in assoluto. Jesi è stata la vera sorpresa e fino a tre settimane fa era una squadra da playoff. Ha forse una delle coppie di americani tra le meglio assortite ed è prima nel girone per rimbalzi offensivi. Credo di poter dire che la pressione sarà tutta su di noi. La domenica dopo la vittoria sulla Virtus facemmo una non-prestazione, per cui non possiamo tornare su errori già commessi con un approccio sbagliato”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0