Napoli e SPAL, destini incrociati: sabato appuntamento cruciale per la corsa ai playoff

Le storie di SPAL e Napoli Primavera si intrecciano in più punti: entrambe sono uscite ai quarti della Viareggio Cup, entrambe rincorrono il quarto posto nel girone A occupato al momento dall’Hellas Verona a quota 41 punti ed entrambe ripartono da un successo casalingo. Purtroppo, il risultato della sfida in programma sabato alle 11 al centro “G.B. Fabbri” di Ferrara potrebbe tagliare fuori una delle due dalla lotta per raggiungere la post season.

A cinque giornate dal termine, con quindici punti ancora in palio, l’obiettivo playoff passa attraverso un percorso che consente pochi errori. L’Hellas ha tre punti di margine sui partenopei, preceduti dal Milan e cinque sulla SPAL. Altra sfida di cartello Fiorentina-Lazio con i viola che possono accorciare sulla capolista. Samp, Verona e Milan però possono allungare sulle inseguitrici. Salutati i vari Greselin, Di Nardo e Dellino, mister Rossi può contare sull’undici base ad eccezione del laterale brasiliano Strefezza, tra i migliori al Viareggio, aggregato alla prima squadra vista la squalifica di Lazzari. Qualche acciacco per Righetti, ma in mezzo la Viareggio Cup ha restituito Maranzino e Di Pardo assenti nelle ultime gare di campionato. L’ex Rimini si troverà di fronte il compagno di Nazionale Alessio Zerbin. L’ex Gozzano, cresciuto nelle giovanili di Inter e Novara è uno dei punti di forza del Napoli che può contare su un tridente offensivo agile e tecnico. Dopo la partenza di Negro, è arrivato il brasiliano Leandrinho, ex Ponte Preta, che dopo un anno e mezzo di inattività ha messo subito in mostra le sue qualità trovando continuità di impiego. I due nuovi acquisti si cercano molto, Zerbin è un trequartista schierato sull’esterno che prova ad accentrarsi per liberare il destro, mentre Leandrinho richiama l’attenzione dei compagni e cerca soluzioni personali. All’andata gran colpo della SPAL contro la squadra di Saurini con in campo Insigne Jr, un 2-0 con le firme di Boccafoglia e Strefezza.

“Uno spareggio in chiave playoff? Brutto parlare di spareggio con cinque gare ancora da giocare, – spiega il tecnico spallino Roberto Rossi – ma perdere ulteriore terreno significherebbe complicare le cose. Poi dobbiamo affrontare ancora Lazio e Sampdoria. Per recuperare terreno abbiamo bisogno di un filotto positivo. Non è facile, ma ci proveremo. Zerbin è uno dei migliori prospetti della sua età in giro. Si trova bene con Leandrinho. Anche Liguori è bravo nell’uno contro uno. Il torneo di Viareggio? Un po’ di rammarico c’è. Al di là della partita con il New York che fa storia a parte, ma con le altre non abbiamo mai demeritato: Giannina, Inter, Belgrano e anche con l’Empoli. Partite gagliarde, un ottimo percorso, abbiamo ricevuto dei complimenti. Abbiamo avuto la possibilità di arrivare in fondo anche noi, peccato perché gli episodi non sono stati favorevoli. Ho visto un gruppo che ha recuperato sul piano fisico e mentale”.

0