Inter spietata, la U16 chiude con una sconfitta. Cristi: Stagione a due facce, ma sono ottimista

Il campionato dell’Under 16 della SPAL si è concluso anticipatamente nel pomeriggio di mercoledì al centro Gibì Fabbri, con l’Inter che ha fatto valere la sua evidente superiorità. Che il confronto fosse impari lo si poteva presumere già dalla vigilia e infatti i nerazzurri anno archiviato la pratica già nel primo tempo.

Peccato perché l’avvio della squadra di Cristi è incoraggiante: il 352 biancazzurro sembra tenere e in campo si vede la giusta determinazione. Una bella azione corale nei primi minuti termina con una conclusione di Alessio. Il tiro però si stampa sulla traversa e i nerazzurri possono tirare un sospiro di sollievo. Lo svantaggio sfiorato sveglia così l’Inter e al 21’ arriva il primo affondo: da un’incursione sulla destra, parte un cross a mezz’altezza. Duse accompagna il movimento del compagno e si inserisce leggendo bene i tempi. Niente da fare per Campi. E’ 1-0. Dopo cinque minuti i problemi della SPAL si fanno anche più grossi, complice la solita disattenzione su calcio d’angolo. A beffare i biancazzurri e a firmare il 2-0 questa volta è Kone. I ragazzi di Cristi si sbilanciano in avanti tentando una reazione. E’ proprio così però che servono il 3-0 ai nerazzurri: a colpire in contropiede è di nuovo Kone che permette ai suoi di chiudere virtualmente la partita dopo appena mezz’ora di gioco.

Complice anche il caldo, il secondo tempo non riserva uno spettacolo dei più entusiasmanti. L’Inter gestisce il vantaggio chiudendosi e lascia l’iniziativa alla SPAL. I biancazzurri fanno girare bene la palla e in più di un’occasione costruiscono qualcosa di interessante. Manca però – come si è visto spesso durante la stagione – la cattiveria sotto porta necessaria a riaprire l’incontro. Al 31’ Sakho si fa espellere per doppia ammonizione, ma nemmeno questo aiuta la SPAL rientrare in gara.

L’Under 16 conclude il proprio percorso al penultimo posto in classifica. Quella odierna non è comunque una prestazione da buttare per Mister Cristi. “Nei primi venti minuti ci siamo comportati benissimo, poi con il loro uno-due è arrivato il tracollo. È un peccato, secondo me non abbiamo giocato male”. E tanto meno non sembra da buttare il percorso affrontato in questa stagione: “Il campionato dei ragazzi lo divido in due parti. Dopo gennaio abbiamo cambiato rotta. Nel girone di andata abbiamo spesso perso per giocate di troppo o errori individuali. Nel girone di ritorno, al di là delle partite col Cesena e col Milan, i ragazzi hanno offerto ottime prestazioni e di questo posso ritenermi soddisfatto. Tutta la squadra ha giocato un calcio migliore e ho visto progressi da parte di tutti. Quelli che mi hanno sorpreso però sono Emanuele Mazzoni e Alessio. Loro sono quelli che nella seconda parte di campionato mi hanno colpito di più in termini di prestazione”. Infine un accenno sul futuro: “Non conosco ancora i piani della società e non so dire che ruolo avrò prossimamente. A breve comunque avranno inizio le varie tournée estive. Staremo a vedere”.

SPAL-INTER 0-3 (pt. 0-3)

SPAL: Campi, Montanari, Ferrari, Mazzoni E., Allegretto (dal 34’ st Rizza), Ardelean (dal 22’ st Mazzoni M.), Artioli (dal 9’ st Marzio), Alessio, Milan (dal 34’ st Merighi), Zabre, Marzocchi (dal 22’ st Biston). A disp.: Pavanello, Zanirato, Simoni. All.: Cristi.

INTER: Bagheria, Carta, Colombini (all’11 st Ferro), Pojani, Kajganic, Bonacina (dal 23’ st Vaghi), Mariani (dal 11’ st Brigati), Rossi (dal 23’ st Tordini), Kone (dal 32’ pt Krasniqi), Duse, Sakho. A disp.: Pozzer, Burghio.

Arbitro: Sig. Bertozzi di Cesena (Assis.ti Xhafa, Nidaa).
RETI: Al 21’ pt Duse (I), al 26’ e al 29’ Kone (I).
AMMONITI: Sakho (I).
ESPULSI: Al 31’ st Sakho (I) per doppia ammonizione.
NOTE: Tempo sereno, campo sintetico, angoli 5-4 per la Spal.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0