Ci pensa sempre Antenucci con la collaborazione di Lazzari. Arini e Mora ci mettono sostanza

La SPAL esce con i tre punti anche dal “Francioni” di Latina, grazie a una prova di grande generosità e carattere in una giornata inizialmente ostica, ma che potrebbe rivelarsi decisiva per le sorti dell’obiettivo finale.

MERET 7 – E’ immenso nel rimediare all’incomprensione tra Costa e Vicari, uscendo con grande coraggio sui piedi di Insigne: palla piena e intervento provvidenziale. Bene anche qualche minuto dopo su De Giorgio. Nella ripresa è ancora attento su Buonaiuto. Si conferma affidabile dopo una settimana in cui non sono mancate critiche (spesso esagerate).

BONIFAZI 6,5 – Rientra in squadra dopo un mese di stop ed è croce e delizia della giornata biancazzurra. Mette in rete il gol dell’1-1 anche grazie al suo strapotere fisico (terzo centro stagionale, ancora una volta in trasferta, dopo Cittadella e Vercelli) e nella ripresa lascia i suoi in inferiorità numerica per una doppia ammonizione in pochi minuti.

VICARI 6,5 – Stabilmente posizionato al suo posto con il compito di dirigere la retroguardia estense. La partita è più complessa del solito vista la mobilità degli attaccanti nerazzurri. Se la cava discretamente fino al momento dell’infortunio. Speriamo nulla di grave. (Dal 23′ s.t. GASPARETTO 6 – Diventa il centrale di destra della difesa spallina schierata a quattro. Contribuisce a liberare qualche pallone di testa).

CREMONESI 6 – Rispetto al turno precedente con il Trapani viene impiegato come terzo di sinistra nel pacchetto arretrato. Sul vantaggio del Latina pare troppo passivo e il dinamismo di Insigne gli crea alcuni affanni. Come tutta la squadra, cresce nella ripresa serrando le fila sugli attacchi laziali.

LAZZARI 7,5 – Decide con convinzione di diventare l’incubo di Pinato che, posizionato da quella parte, fa quel che può per contenerlo. Quelle del 29 biancazzurro sono discese continue, costanti e mai prevedibili. L’assist per Antenucci arricchisce la sua prova da grande cuore biancazzurro.

SCHIATTARELLA 6 – E’ lui l’ex di turno insieme a De Vitis. Parte abbastanza contratto, sbaglia diversi appoggi e, complice l’ottima partita di Bandinelli, non riesce a dare il consueto ritmo al reparto. Cresce nella seconda parte, regalando una palla magica a Costa e la sua presenza da trascinatore si fa sentire nella sofferenza finale.

ARINI 7 – Nella logica del turnover con Castagnetti questa volta tocca a lui. Quando c’è da mettere la gamba non si tira mai indietro. A volte risulta duro ma efficace. Semplici a metà della prima frazione gli chiede di verticalizzare maggiormente. Il suo apporto alla gara è più che sufficiente vista la bella dose di palle sporcate agli avversari.

MORA 7 – Nella zona nevralgica del campo è quello che ha più birra in corpo. Vince praticamente tutti i duelli e arriva quasi sempre per primo sulla sfera. Elemento assolutamente imprescindibile.

COSTA 6 – Ha il merito di battere bene il corner del pareggio biancazzurro e il demerito di ostacolarsi vicendevolmente con Vicari, rischiando di combinare un brutto pasticcio. Per lui non è una giornata particolarmente brillante e la testimonianza è il mancato aggancio a pochi metri dalla porta di inizio secondo tempo. Dopo l’espulsione rimane guardingo nella linea a 4, a parte un contropiede.

ANTENUCCI 7 – Prima del 20′ ha l’occasione per portare in vantaggio la squadra, ma quasi incredibilmente (per come ci ha abituati) non riesce a centrare la porta dopo la frittata servita da Pinsoglio. Ma un giocatore come lui non perdona per più di una volta e a metà della ripresa risponde presente alla chiamata di Lazzari, portando in vantaggio la squadra. Gol che pesa come un macigno. (dal 34′ s.t. SCHIAVON s.v. – Ultimi dieci minuti per infoltire il 441 finale).

FINOTTO 5,5 – La difesa del Latina è bella stretta centralmente e lui cerca di trovar gloria allargandosi sulla sinistra. Ha un’occasione sul suo mancino ma calcia con poca cattiveria. Gara abbastanza anonima. (Dal 17′ s.t. ZIGONI 6 – Per una punta, entrare con la squadra in inferiorità numerica, non è mai facile. Si sacrifica).

All.: SEMPLICI 8 – Nell’undici iniziale conferma la fiducia a Finotto e sceglie la rotazione nel ruolo di centrocampista centrale, dando una casacca da titolare ad Arini. Inutile dirlo: la sua Spal vola a quota 70 con cinque turni dalla fine! Anche lui sta scrivendo la sua storia, per non dire la leggenda…

Per la foto si ringrazia Paola Libralato

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0