I playoff iniziano con un passo falso, Modena Est mette la Krifi con le spalle al muro

A poche ore dalla promozione della Spal in serie A, anche la Krifi Caffè è scesa in campo per tentare il salto di categoria: la partita contro Modena ha riservato un grande spettacolo, ma i granata non sono riusciti a portare a casa più di due set, concedendo alla Fanton Modena Est la vittoria al tie break. Non è la prima volta che finisce così: successe anche lo scorso anno, nella prima partita di campionato. La posta in palio però era abbastanza diversa.

La Krifi esordisce con entusiasmo davanti ad un pubblico ben nutrito, imponendo subito il suo ritmo. I granata giocano con precisione in difesa e potenza in attacco: gli unici errori che si concedono riguardano la fase di battuta, ma Modena fatica a sua volta dai nove metri e resta sempre in scia senza sorpassare. A metà set i ferraresi staccano leggermente gli avversari e costringono Modena prima al tempo discrezionale (12-9) poi ad un doppio cambio: entrano Raimondi per Cassandra e Sartoretti per Cordani. I nuovi ingressi aiutano la causa rossonera, ma la Krifi è determinata: si procede così punto a punto, fino ai vantaggi. Chiude Masiero sul 27-25, tra gli applausi del pubblico. Rientro in campo senza cambi di formazione per entrambe le squadre. I modenesi prendono subito il largo, portandosi agilmente sul 2-6 con gli attacchi di Bartoli e Trianni. Ferrara gioca bene le sue carte in attacco, ma non riesce a recuperare il gap fino alla metà set, quando Fontana piazza un lungo linea ed un pallonetto che ridanno vigore a tutta la squadra. Bortolato e Masiero firmano a muro il punto del sorpasso (16-15), poi portano avanti la Krifi in attacco assieme a Drago. Chiude a muro Marco Spiga sul 25-20: il vantaggio sembra rassicurante.

Grande equilibrio anche nel terzo set: Modena e Ferrara si danno battaglia punto dopo punto, ma sono i modenesi a mantenere un piccolo vantaggio per tutta la prima parte di set. Tra le file ferraresi coach Martinelli schiera Ballerio per dare respiro ad un Federico Fontana in leggero affanno. Poco dopo Drago firma dalla seconda linea il punto del 10-10: Ferrara mette la freccia e domina il gioco per tutta la seconda parte di set. Quando l’esito sembra ormai scontato Modena trova la forza di reagire e riesce a mettere alle strette gli avversari. Bartoli prende a cuore la causa e trascina con sé il resto della squadra, che macina punti sorprendendo i granata. Il terzo set termina ancora una volta ai vantaggi e questa volta in favore dei modenesi. Gli errori sul finale costano davvero cari ai granata, che regalano alla Fanton il terzo set sul 27-29. Nel quarto set, Drago e compagni faticano a mantenere la stessa grinta dimostrata in precedenza. Il finale del set precedente ha segnato profondamente gli animi della Krifi, ad un passo dalla vittoria della gara. Modena si porta subito in vantaggio con un ace sul nastro di Bartoli mentre Ferrara prova a restare in scia ma con pochi risultati. Coach Martinelli chiama il time out sul 5-11, cercando di risvegliare la grinta dei suoi. Con un paio di errori dei modenesi e la buona volontà di Marco Spiga i ferraresi si rifanno sotto, ma non riescono mai davvero a giocare alla pari. Sul finale di set Drago e Fontana fanno quel che possono, ma ormai è tardi: Chiude Bartoli sul 22-25 e si va al tie break.

Per il quinto set coach Martinelli sceglie di tenere in regia Simone Zambelli al posto di Filippo Govoni, provato dalla gara e poco lucido sul finale del set precedente. Modena si impone subito con Bartoli e Raimondi, mentre Bernard entra in campo per Marco Spiga, autore di una splendida partita. Drago mette in campo tre attacchi importantissimi e Bernard rende il favore a Bartoli con un ace sul nastro, ma Cassandra ed Astolfi riportano Modena in vantaggio (7-10). I granata fanno quel che possono, ma Modena è in vantaggio. Chiude Bonetti sul 12-15 con un pallonetto che stupisce tutto il pala HiltonPharma.

Sabato prossimo alle 18.30 la 4 Torri è attesa a Modena per disputare la gara di ritorno di questa prima fase di play off. Se Ferrara vuole sperare ancora nella promozione, l’obiettivo sulla carta è molto semplice. Non importa il conteggio set, non ci sono grandi calcoli da fare. A Modena bisogna vincere.

Tabellino: Drago 28, Bortolato 11, Fontana 12, Govoni 1, Spiga 10, Masiero 13, Ballerio 2, Bernard 2, Zambelli, Atef, Di Rezo (L).

Post Partita
Queste le parole di Marco Martinelli, che non nasconde la delusione per l’esito della partita: “Abbiamo avuto molte occasioni. Nei primi due set e nel terzo siamo riusciti a giocare discretamente anche nei momenti di difficoltà, riuscendo a recuperare, poi abbiamo sprecato qualche situazione favorevole sul finale di set, giocandolo male. Sapevamo che sarebbe stata una partita complicata: Modena ha una panchina lunga ed anche questa sera lo ha dimostrato. Noi non siamo stati impeccabili in alcune situazioni di difesa ed abbiamo mancato di lucidità nella fase di cambio palla. Tecnicamente e tatticamente, abbiamo fatto alcune scelte sbagliate. Dobbiamo cercare di dimenticare subito questa partita per cercare di fare risultato a Modena. Non sarà facile, ma è l’ultima possibilità che abbiamo. Sarà una impresa difficile”.

0