La SPAL entra nel club del doppio salto: solo altre dieci squadre ci sono riuscite prima

Essere tornati in serie B dopo 23 anni sembrava già una gran cosa, invece la SPAL in cadetteria ha fatto solo un rapido transito per salire immediatamente nell’Olimpo del calcio italiano. Scalare due categorie in altrettante stagioni è impresa complicata e lo dimostrano i numeri: da quando esistono i tre punti (1993) solo altre dieci squadre – oltre all’Ars et Labor – sono riuscite a passare dalla terza serie alla A.

Si tratta di Bologna (1994-95 e 1995-96), Empoli (1995-96 e 1996-97), Lecce (stessa stagione), Como (2000-01 e 2001-02), Modena (stessa stagione), Napoli (2005-06 e 2006-07), Genoa (stessa stagione), Cesena (2008-09 e 2009-10), Novara (stessa stagione) e Frosinone (2013-14 e 2014-15).

Ne avevamo parlato esattamente un anno fa (era il 5 maggio 2016), in un articolo in cui analizzavamo i percorsi delle neopromosse in serie B. Contando i precedenti, c’era un 15% di probabilità che la SPAL potesse volare direttamente in serie A dopo un anno tra i cadetti. I biancazzurri ce l’hanno fatta, entrando nella leggenda.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0