Come funzionano le liste della serie A: 25 giocatori Over registrabili, Under 21 illimitati

Nuovo campionato, nuove regole. Nel percorso di sbarco verso la serie A, la SPAL dovrà tenere conto delle regole dettate dalla FIGC in merito alla composizione delle rose, in vigore dalla stagione 2015-2016. Le partecipanti al massimo campionato infatti potranno registrare al massimo 25 calciatori “over 21”, quindi con più di ventun’anni, e tra questi venticinque ce ne dovranno essere almeno 4 formati in un settore giovanile italiano e altri 4 cresciuti in casa. Gli Under 21 invece, per intenderci i ragazzi dal 1996 in poi, non richiederanno registrazione. Quindi ogni squadra potrà schierarne un numero illimitato.

Calciatori formati in un settore giovanile italiano: giocatori che, tra i 15 anni (o l’inizio della stagione nella quale hanno compiuto 15 anni) e i 21 anni (o la fine della stagione nella quale hanno compiuto 21 anni) di età, siano stati tesserati a titolo definitivo per uno o più club italiani per un periodo, anche non continuativo di 36 mesi, o per tre intere stagioni sportive.

Calciatori cresciuti in casa: giocatori che, tra i 15 anni (o l’inizio della stagione nella quale hanno compiuto 15 anni) e i 21 anni (o la fine della stagione nella quale hanno compiuto 21 anni) di età, siano stati tesserati a titolo definitivo per il club nel quale militano per un periodo, anche non continuativo di 36 mesi, o per tre intere stagioni sportive.

Sul primo fronte la SPAL non avrà alcuna difficoltà a soddisfare il requisito, avendo attualmente una rosa di soli giocatori cresciuti calcisticamente in Italia. Più problematico il capitolo dei ragazzi cresciuti nel vivaio: complice la genesi societaria della SPAL, solo ragazzi transitati nel vivaio in tre delle stagioni passate potrebbero essere eleggibili e nell’attuale squadra Primavera l’unico tecnicamente registrabile sarebbe Boccafoglia. Estendendo il ragionamento al passato della matricola federale della Giacomense, il quadro non cambia molto. A meno che la FIGC non sia disposta a riconoscere la continuità storica delle vecchie SPAL: in quel caso potrebbe aprirsi qualche spiraglio in più, pur rimanendo la scelta piuttosto limitata.

Nel caso la ricerca non portasse a risultati soddisfacenti, la SPAL potrebbe comunque consegnare una rosa ridotta, in base al numero di giocatori che non soddisfa i requisiti richiesti. Esempio: se la SPAL dovesse trovare solo uno o due “over” registrabili come giocatori cresciuti in casa, presenterebbe una lista da 23 o 24 giocatori, lasciando vuote le caselle non riempibili.

0