Il primo acquisto sarà Gazzoli? Delineato l’arrivo dal Vicenza del nuovo dg biancazzurro

Il primo acquisto della SPAL 2017-2018 sarà… un dirigente. Pare ormai scontato l’approdo di Andrea Gazzoli come nuovo direttore generale biancazzurro. Una mossa che va nella direzione di un potenziamento dei quadri dirigenziali, allo scopo di distribuire meglio i carichi di lavoro. L’arrivo di Gazzoli permetterebbe a Davide Vagnati – attuale dg spallino – di (ri)vestire i panni del direttore sportivo e quindi di occuparsi quasi esclusivamente dell’area tecnica, lasciando al nuovo arrivato le incombenze di carattere organizzativo.

Un ruolo che Gazzoli conosce bene, visto che dal 2014 a oggi lo ha ricoperto al Vicenza, lasciando la gestione dell’area tecnica prima a Cristallini e poi a Tesoro. Il suo contratto con i biancorossi scadrà il prossimo 30 giugno: complici la rovinosa retrocessione in Lega Pro e i problemi societari, cambierà aria. Era stato corteggiato dal Pisa e pare che in caso di salvezza dei nerazzurri il passaggio fosse già stato delineato. Non se ne farà nulla e salirà in serie A con la SPAL.

Gazzoli, viareggino classe 1973, nella sua carriera da calciatore – nel ruolo di difensore – ha giocato quasi esclusivamente in Toscana tra serie D e serie C2, vestendo le maglie di Viareggio e Castelnuovo Garfagnana. Proprio a Viareggio, nel 2005, è iniziato il suo percorso da dirigente. Ha lavorato come ds nel Grosseto in serie B sotto la gestione Camilli, prima di approdare al Venezia dei russi nel 2012. In laguna ha vissuto la promozione dalla Seconda alla Prima Divisione. Viene descritto, da chi lo conosce, come un professionista serio, meticoloso e discreto nella gestione delle pubbliche relazioni.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0