La Krifi è ancora viva: Modena non riesce a difendere il proprio campo, si va a gara 3

Fattore campo questo sconosciuto. Dopo aver ceduto in casa in gara 1 dei playoff, la Krifi 4 Torri ha reso il favore alla Fanton Modena Est vincendo gara 2 in trasferta, grazie anche al sostegno dei tanti ferraresi al seguito dei granata. La serie va così alla bella: mercoledì alle 20 al Pala HiltonPharma si giocherà un autentico spareggio per determinare chi proseguirà la corsa playoff e chi invece dovrà andare in vacanza.

Appena sceso in campo, il sestetto granata (Drago, Bortolato, Spiga, Govoni, Masiero e Fontana) si dimostra subito molto aggressivo. Il gioco è intenso, la difesa funziona bene: Modena è subito costretta a chiamare il time out (1-4). I granata continuano a restare avanti di un paio di punti arginando gli errori in battuta, mentre i modenesi faticano leggermente. A metà set Alessandro Drago allunga ulteriormente in attacco e battuta, portando i suoi compagni sull’11-16. Al rientro dal time out tecnico vengono fischiate due doppie quasi consecutive a Filippo Govoni: coach Martinelli opta per il cambio con Simone Zambelli per ripristinare la tranquillità in regia, ma ancora una volta l’arbitro fischia un fallo per la Krifi. Govoni rientra sul 22 pari e poco dopo Ferrara chiude con un ace (22-25).

Squadra che vince, non si cambia: nessuna modifica per i  granata che tornano a combattere punto a punto contro Modena. Questa volta è Spiga a trascinare i suoi compagni, ma Modena stringe i denti e cerca ogni occasione per recuperare terreno. Federico Fontana piazza un ace pesantissimo, ma Modena torna a farsi pericolosamente vicina con gli attacchi di Bartoli. Nel finale di set i granata sprecano qualcosa di troppo e Modena ne approfitta. Il doppio ace di Astolfi manda KO i ferraresi, che perdono il secondo parziale 25-22.

Nel terzo set Ferrara fatica a riprendersi dalla rimonta avversaria ed esordisce mostrandosi leggermente affaticata. Modena si porta subito in vantaggio, ma Federico Fontana lancia la rincorsa sul 9-5 e Drago completa l’opera portando Modena al time out. Bartoli e compagni prendono nuovamente il largo, ma sul finale i ferraresi riescono a restare in scia. A questo punto, Marco Martinelli decide un doppio cambio per alzare il muro: entrano Bragatto e Zambelli per Drago e Govoni. Modena è costretta ad interrompere nuovamente il gioco sul 22 pari, ma il time out non serve a nulla: Ferrara chiude con un manifuori sul 23-25.

Punteggio in equilibrio per tutta la prima parte del quarto set. Modena non vuole arrendersi e continua a combattere con intensità: una battuta lunga dei padroni di casa tocca la gamba di Drago, che regala un ace agli avversari. I granata si innervosiscono e subiscono un break pesantissimo da parte della Fanton (12-7). Martinelli sceglie di avvicendare Drago e Atef, per dare la possibilità al primo di ritrovare la calma prima di rientrare in campo. Il secondo time out tecnico arriva sulla perfetta parità, poi Modena allunga e si porta sul 23-20. Quando la partita sembra destinata al tie-break, Spiga estrae dal cilindro un turno in battuta spettacolare, portando i suoi compagni alla vittoria sul 23-25.

La grande impresa è compiuta. Con una delle partite tecnicamente meglio riuscite della stagione, la Krifi ha pareggiato i conti con Modena. Il prossimo appuntamento è per mercoledì 24 maggio alle ore 20, per scoprire finalmente chi tra Modena e Ferrara riuscirà a passare alla fase successiva, giocandosi l’accesso alla Serie A2 contro Macerata.

Post Partita
La voce di Marco Martinelli tradisce l’emozione per il risultato raggiunto. “Non possiamo fare altro che goderci questa vittoria, abbiamo conquistato la possibilità di giocare gara 3 e siamo ancora in corsa. Dopo la prima partita c’era rammarico in spogliatoio, avevamo tutti la consapevolezza di aver perso una occasione. Questa vittoria ha davvero alzato il morale. Mercoledì prossimo la bella sarà complicata, perché gli avversari non sono abituati a mollare. L’importante è essere ancora vivi e continuare a combattere”.

0