Squadra e staff ufficialmente in vacanza. Semplici: Grazie di cuore a tutti, ci rivediamo in serie A

Tempo di saluti in via Copparo, per la SPAL sono ufficialmente iniziate le vacanze estive. Dopo un anno tanto straordinario quanto estenuante, i biancazzurri finalmente potranno staccare la spina e rilassarsi per un mese abbondante, anche se un po’ di nostalgia si farà sentire visti i momenti vissuti durante questa stagione. Come martedì scorso, gli spallini hanno improvvisato un allenamento scherzoso con Finotto e Costa in porta, tante risate e la voglia, più che di correre, di condividere allegramente gli ultimi minuti di spensieratezza che li separavano dal “rompete le righe”. Non è mancato però qualche minuto di serietà, con la visita dei responsabili dell’Associazione per la lotta alla talassemia “Rino Vullo”, un’altra realtà del territorio ferrarese con cui la società biancazzurra ha stretto una collaborazione, per ricordare l’importanza delle donazioni di sangue e l’impegno nella ricerca.

Mister Semplici si è presentato per l’ultimissima conferenza stampa molto sollevato e piano piano ha ammesso di essersi reso conto di cosa è stato fatto. Per questo il tecnico ha voluto ringraziare tutti i compagni di questo viaggio pazzesco: “Ringrazio chi ci ha supportato dall’inizio alla fine, la società e i giocatori, che hanno dimostrato amore per i colori biancazzurri e sul campo hanno lottato al 100% per difendere la propria causa. È stato così bello che dispiace quasi concludere oggi, ma per tutto c’è un inizio e una fine”. Una stagione impeccabile quella della SPAL secondo il mister, che ha sottolineato l’importanza dei momenti più difficili nella scalata verso l’Olimpo del calcio: “E’ difficile pensare ad un episodio negativo, perché le emozioni provate quest’anno sono praticamente sempre state positive. L’inizio del campionato è stato sicuramente in salita, ma con le due sconfitte consecutive col Verona e col Perugia abbiamo capito che qualcosa non stava andando secondo i piani. Soprattutto nella partita contro l’Hellas ci siamo resi conto che la squadra non stava affrontando le partite nel modo adeguato e questa presa di coscienza è stata lo spartiacque della nostra stagione”.

Se a Natale l’obiettivo degli estensi era già stato spostato dalla salvezza ai playoff, è stato l’incredibile girone di ritorno disputato da Giani e compagni ad aprire scenari ancora più ambiziosi: “Partita dopo partita abbiamo acquisito maggiore consapevolezza dei nostri mezzi e la certezza di potercela giocare per il salto di categoria. Personalmente penso sia stata determinante la sfida con il Novara da questo punto di vista: dopo i due KO con Frosinone ed Avellino abbiamo tirato fuori il carattere giocando una grande partita che ci ha permesso di salvaguardare tutti gli sforzi compiuti fino a quel momento e riportarci sulla retta via”. Dopo 49 anni di assenza, per la SPAL la serie A sarà un’esperienza del tutto inedita, nonostante qualche rivale sia già stata affrontata quest’anno. Assieme all’Hellas, in massima serie mister Semplici vorrebbe ritrovare il Benevento, complice anche il celeberrimo gol di Ceravolo al Frosinone, che ha garantito la promozione aritmetica ai ferraresi sul campo della Ternana: “Non sto seguendo i playoff perché sto cercando di staccare la spina. Faccio il tifo per il Benevento, perché sono stati partecipi in qualche modo della nostra vittoria e perché mister Baroni è un amico. Oltretutto siamo compaesani, siamo entrambi di Tavarnuzze”.

Se l’entusiasmo in città sta lasciando spazio alla curiosità per l’allestimento della nuova rosa, Semplici preferisce non affrontare l’argomento, limitandosi ad elogiare i protagonisti della promozione. Il mercato inizierà a luglio, così come nei primi del mese si riuniranno gli spallini a Ferrara, per poi partire alla volta di Tarvisio, con un soggiorno di due settimane, e poi Auronzo, dove si concluderà il ritiro con altri sette giorni: “È presto per parlare di una nuova rosa, al mercato ci penserà il direttore. Io in questo momento mi sento solo di ringraziare con tutto il cuore la squadra che ha realizzato questo sogno. Ci aspetta una stagione straordinaria e l’obiettivo sarà quello di mantenere la categoria. Sarà tanto stimolante quanto complicato, dovremo essere bravi a gestire i momenti belli e anche quelli meno belli e non sarà facile dopo aver abituato molto bene i nostri tifosi in questi due anni e mezzo. Invito i ferraresi a sostenere sempre e comunque questi ragazzi, che avranno bisogno di tutto il calore possibile e ricordare che per tutti noi che abbiamo fatto tanta gavetta sarà una grande avventura. Adesso stacchiamo la spina, ci ritroveremo il 7 o l’8 luglio qui per poi andare in ritiro. Grazie a tutti, ci vediamo in serie A”. Grazie a te mister, grazie a tutta la SPAL. Soprattutto: buone vacanze, sono ampiamente meritate.

0