Mattioli rassicura tutti: Siamo al tavolo delle grandi, ma resteremo quelli di sempre

La presentazione dell’associazione “Lunga Vita!” non ha riservato solo le emozioni dell’abbraccio di amici e tifosi a Pietro Verri, ma è stata occasione per Walter Mattioli di intrattenere un po’ il pubblico con alcune considerazioni sul momento storico che la SPAL sta attraversando. Il presidente si è mostrato particolarmente di buon umore, rispondendo fin da subito al coro “Portaci in Europa” intonato dal centinaio di presenti: “Mi sembra che si stia esagerando – ha detto con un largo sorriso – e ve lo dice uno che di coraggio ne ha abbastanza”.

Per far capire quanto le incombenze legate alla serie A stiano cambiando la sua vita, Mattioli ha coinvolto indirettamente la moglie, presente al suo fianco: “In questi giorni mi dice che ci stiamo fidanzando un’altra volta, visto che ci vediamo ogni tre giorni. La scorsa settimana sono andato a Milano per la prima riunione della Lega di Serie A ed è stato abbastanza particolare ritrovarsi allo stesso tavolo con gente come Agnelli e De Laurentis. Mentre ero seduto lì pensavo: ‘Ma pensa te, vent’anni fa a riunioni del genere avevo davanti Attilio Veronesi del Villanova”. Risate e applausi in sala. Poi la prima punzecchiatura: “I rappresentanti delle grandi squadre ci hanno tutti accolti bene, quelli delle piccole un pochino meno… forse perché sanno già che le batteremo tutte”. Boato vero e proprio tra i tifosi.

“Questa esperienza mi ha fatto capire che dovrò cambiare numero di cellulare. Come sapete io cerco di essere sempre a disposizione della gente, però le cose stanno prendendo una piega strana. Mentre ero alla riunione di Lega ad ascoltare un dibattito in cui si parlava di diritti televisivi da un miliardo di euro, mi saranno arrivate sei o sette telefonate. Ne ho presa una e dall’altra parte mi sono sentito dire: ‘Ciao Walter, sono — da Mirabello, stasera vieni alla nostra sagra a mangiare la porchetta?’. Ecco, questo vi fa capire la situazione. Al di là di questo episodio, voglio rassicurarvi: io, la società, la SPAL… non cambieremo. Rimarremo quelli di sempre e io rimarrò il Walter Mattioli di tutti i giorni”.

0