Bonifazi e Marchegiani vanno in ferie: niente chiamata per l’Europeo U21. Nella lista c’è Cerri

Il sogno dell’Europeo rimarrà tale per Gabriele Marchegiani e Kevin Bonifazi: i due giocatori della SPAL infatti non faranno parte dell’imminente spedizione dell’Under 21 in Polonia. Nella lista dei 23 stilata dal ct Di Biagio in compenso c’è Alberto Cerri, che nella prima parte della stagione ha giocato in biancazzurro prima di passare al Pescara in serie A.

Un peccato per i due rappresentanti di casa SPAL, che avevano preso parte ad entrambi gli stage preparatori svolti negli ultimi tempi a Roma. Se da un lato le speranze di Marchegiani erano flebili (davanti a lui c’è un ‘mostro’ come Donnarumma), quelle di Bonifazi sembravano essere un filino più alte. Ma il ct gli ha preferito il più esperto Alex Ferrari (1994, Hellas Verona via Bologna).

Proprio Ferrari, assieme a Cragno del Benevento e Garritano del Cesena, è uno dei tre rappresentanti della serie cadetta nell’Under 21. L’Italia farà il suo esordio nel torneo domenica 18 giugno a Cracovia con la Danimarca, mercoledì 21 giugno affronterà a Tychy la Repubblica Ceca e sabato 24 giugno sarà impegnata a Cracovia nella terza e ultima gara del girone con la Germania.

LA LISTA UFFICIALE DEI CONVOCATI
Portieri
17 Alessio Cragno (Benevento)
1 Gianluigi Donnarumma (Milan)
19 Simone Scuffet (Udinese)

Difensori
3 Antonio Barreca (Torino)
14 Davide Biraschi (Genoa)
2 Davide Calabria (Milan)
13 Mattia Caldara (Atalanta)
12 Andrea Conti (Atalanta)
22 Alex Ferrari (Verona)
23 Nicola Murru (Cagliari)
4 Daniele Rugani (Juventus)

Centrocampisti
15 Marco Benassi (Torino)
5 Danilo Cataldi (Genoa)
18 Roberto Gagliardini (Inter)
8 Alberto Grassi (Atalanta)
21 Manuel Locatelli (Milan)
6 Lorenzo Pellegrini (Sassuolo)

Attaccanti
7 Domenico Berardi (Sassuolo)
10 Federico Bernardeschi (Fiorentina)
9 Alberto Cerri (Pescara)
20 Federico Chiesa (Fiorentina)
16 Luca Garritano (Cesena)
11 Andrea Petagna (Atalanta)

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0