Vagnati chiama, la Samp risponde: Osti apre ad una collaborazione. Sul piatto Regini e Budimir

Fino ad un paio d’anni fa Davide Vagnati poteva girare serenamente per gli hotel milanesi senza destare troppa attenzione e di conseguenza trattare giocatori con tutta la riservatezza necessaria. Ora che la SPAL è nel club delle grandi le cose sono un po’ cambiate e i movimenti del dg biancazzurro diventano oggetto di interesse, come dimostra l’avvistamento riportato mercoledì dalla squadra di Gianluca Di Marzio, che testimonia un incontro tra Vagnati e il ds della Sampdoria Carlo Osti. Solo uno dei tanti appuntamenti milanesi in programma, prima dello spostamento a Reggio Emilia per il match delle finali Primavera tra Fiorentina e Juventus (vinto dai Viola).

Secondo Di Marzio, Vagnati e Osti avrebbero parlato soprattutto dei prestiti di Vasco Regini e Ante Budimir, entrambi sotto contratto con i blucerchiati fino al 2020, entrambi ai margini del progetto tecnico di mister Giampaolo. Storie diverse tra loro: Regini ormai è un veterano della categoria (107 presenze in serie A, è un classe 1990), ha indossato la fascia di capitano del Doria e nell’ultima stagione ha messo insieme trenta apparizioni da titolare, chiudendo però con qualche malumore legato al contratto ed a dissapori con la dirigenza. Può giocare sia da terzino sinistro in un modulo con difesa a 4, sia come centrale mancino nel modulo a 3.

Ante Budimir invece è in cerca di riscatto e soprattutto di minutaggio. Corteggiato da mezza serie A e non solo dopo il passaggio dal Crotone alla Sampdoria nell’estate 2016, il croato è rimasto a Genova per giocarsi le proprie carte, ma ha dovuto fare i conti con l’esplosione di Schick. Per lui solo 11 presenze e zero gol. Il Crotone sogna di poterlo riabbracciare dopo la straordinaria stagione di serie B in cui fu protagonista con 16 gol in 36 partite.

Ieri Sky Sport ha chiesto a Osti un’impressione sull’incontro con Vagnati: “Davide è un collega e un grande amico, facciamo parte di un gruppo che si ritrova periodicamente anche per delle cene. Gli voglio fare i complimenti per quello che ha fatto a Ferrara, è chiaro che sta cercando di rinforzare la rosa e renderla competitiva, in vista della prossima stagione in Serie A. Vediamo se ci saranno i presupposti per creare qualche sinergia con la SPAL”.

0