Il Kleb giocherà al sabato sera, Tezzon stoppa le critiche: Scelta che tiene conto del contesto

Addio domenica, benvenuto sabato. La decisione del Kleb Basket Ferrara di modificare giorno e orario delle proprie partite casalinghe (dalle 18 della domenica alle 20.30 del sabato) ha scatenato un certo dibattito tra i tifosi della palla a spicchi ferrarese, tanto da indurre il responsabile marketing Roberto Tezzon a convocare una conferenza stampa per puntualizzare i motivi dietro alla scelta.

“Si è dovuto tener conto del nuovo scenario cittadino – ha detto Tezzon –  che vede, dopo 49 anni, la SPAL di nuovo in serie A tra le big. Al di là delle partite in casa al Paolo Mazza alla domenica, tra anticipi, posticipi e soprattutto trasferte nelle regioni limitrofe, una fetta del pubblico ferrarese sarà sempre impegnata la domenica pomeriggio. Per non parlare di tutti gli altri sport  e i campionati minori che impegnano atleti e famiglie. E’ stata quindi una scelta logica. Tuttavia, decisivi nella scelta del sabato sono stati gli investimenti e le ambizioni che sia come squadra che come società il Kleb sta portando avanti. A fronte di un nuovo progetto basato sull’accoglienza e l’ospitalità , che punta ad un nuovo bacino di utenza per il palazzetto (le famiglie e i giovani), si è ritenuto che il sabato fosse la scelta migliore perché permetterà di offrire qualcosa di diverso,  maggiori servizi, hospitality di livello, intrattenimenti dedicati pre e post partita e tanto altro ancora, in modo tale da offrire ai nostri tifosi una valida alternativa a ciò che Ferrara scarsamente offre  il sabato sera.  Per due sabati al mese si potrà fare qualcosa di diverso. Si è voluto quindi fare una scelta a vantaggio delle famiglie, dei lavoratori, per creare una alternativa. Venire al palazzetto deve essere una scelta, non un sacrificio o una alternativa ai programmi del weekend, vogliamo creare una abitudine e un momento di incontro con la squadra, i giocatori e le realtà e le eccellenze del nostro territorio”.

I rappresentanti del tifo organizzato di Curva Nord hanno preso posizione con un breve post via Facebook, approvando la decisione della società pur a fronte di posizioni diverse al proprio interno:

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0