Nasce la Primavera 2 TIM, SPAL nel Girone A. Definiti anche i gironi di U17, U16 e U15

Sono stati ufficializzati i gironi del campionato Primavera 2 TIM 2017/2018, che sarà organizzato dalla Lega Nazionale Professionisti B  e vedrà al via 26 squadre tra cui le ventidue di B e le quattro di A che non disputano il campionato Primavera 1 tra cui la SPAL.

Il torneo prenderà il via sabato 9 settembre e terminerà il 5 maggio, pausa invernale dal 17 dicembre al 19 gennaio. I ferraresi sono stati inseriti nel girone A, unica formazione di serie A tra le tredici compagini. Tra le avversarie della formazione allenata da mister Cottafava ci saranno la Virtus Entella, rivelazione della passata stagione, attualmente allenata dall’ex tecnico spallino David Sassarini, poi ci sarà l’Empoli affrontata nei quarti di finale dell’ultima Viareggio Cup oltre alle neopromosse in B: Cremonese, Parma e Venezia che dovranno affrontare il passaggio dal campionato Berretti a quello Primavera. Si ripeteranno le sfide della passata stagione con Brescia, Cesena e Spezia. La nuova formula prevede la promozione in Primavera 1 per le prime classificate dei due gironi e la vincitrice dei playoff, mentre in chiave retrocessione ci saranno le formazioni primavera delle società che retrocederanno in serie C che verranno sostituite dalle prossime neopromosse in cadetteria. La Spal Primavera debutterà in Coppa Italia contro il Genoa, mercoledì 20 settembre.

Girone A 
Brescia, Carpi, Cesena, Cittadella, Cremonese, Empoli, Novara, Parma, Pro Vercelli, Spal, Spezia, Venezia, Virtus Entella

Girone B
Ascoli, Avellino, Bari, Benevento, Cagliari, Crotone, Foggia, Frosinone, Palermo, Perugia, Pescara, Salernitana, Ternana

Definiti anche i gironi delle categorie U17, U16 e U15 di Serie A e B con la SPAL inserita nel girone B:

Atalanta, Bologna, Brescia, Cagliari, Cesena, Chievo Verona, Cittadella, Hellas Verona, Internazionale, Lazio, Milan, SPAL, Udinese e Venezia.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0