Prime sorprese in Tim Cup, Empoli eliminato ai calci di rigore: la SPAL se la vedrà col Renate

Gli anticipi del secondo turno eliminatorio di Tim Cup hanno già fatto registrare le prime vittime eccellenti. Tra queste l’Empoli, sorpreso dal Renate. I nerazzurri, che militano in serie C, hanno impattato 1-1 al “Castellani” e poi si sono imposti 6-5 ai calci di rigore. Sarà quindi la squadra di Roberto Cevoli a sfidare la SPAL nel Terzo Turno in programma sabato 12 agosto.

Il tabellone ovviamente dà la precedenza alla SPAL per giocare al “Paolo Mazza”, anche se resta da capire con quali modalità vista la presenza del cantiere. Nei giorni scorsi da via Copparo hanno lasciato intendere che a meno di evoluzioni impreviste si giocherà regolarmente in casa, ma con inevitabili restrizioni in materia di capienza. Anche la voce di un possibile slittamento a domenica 13 per il momento non trova conferma ufficiale. Se ne saprà di più nei prossimi giorni.
Vale la pena ricordare che il turno si giocherà in gara unica e che in caso di qualificazione al quarto turno l’avversaria potrebbe essere il Bologna.

I tifosi spallini ricorderanno il Renate soprattutto per la sfortunata partita di debutto nel campionato 2013-2014 di Seconda Divisione: i biancazzurri, nella prima giornata di campionato con la nuovissima gestione Colombarini, si ritrovarono avanti 3-1 a Meda, salvo poi veder vanificato il risultato da un infortunio dell’arbitro Oliveri di Palermo. In quarta serie questo equivaleva a un rinvio della partita, con ripartenza dallo 0-0. La SPAL di Leo Rossi tornò al “Città di Meda” quasi venti giorni dopo e non andò oltre lo 0-0. Nella partita di ritorno, a gennaio 2014, le cose andarono anche peggio perché i nerazzurri si imposero per 2-0 contro quella che all’epoca era diventata la SPAL di Gadda.
Da quei tempi il Renate è sempre rimasto in Lega Pro (oggi tornata serie C), ottenendo sempre piazzamenti di metà classifica. Nella scorsa stagione contava 70 abbonati e una media spettatori di 300 persone.

 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0