L’Empoli cerca Antenucci, l’offerta esiste ma un addio del numero 7 sembra improbabile

Normale che un giocatore da 18 gol in 36 partite faccia gola ad altre squadre, quindi non sorprende che il nome di Mirco Antenucci continui a ricorrere nelle cronache di mercato. L’ultimo spiffero riguarda una possibile offerta da parte dell’Empoli, riportata nel giorno di Ferragosto da Gianluca Di Marzio. L’omonima testata online curata dallo staff del popolare giornalista di Sky riporta una possibile apertura da parte della SPAL e questo è stato sufficiente per mandare in subbuglio la tifoseria biancazzurra che teme di doversi separare da uno dei suoi idoli.

Il quadro è senz’altro complesso. Perché da un lato Antenucci ha allungato il suo contratto – fino al 2019 – proprio in questa estate ed è stato dichiarato incedibile da Vagnati non più tardi di una settimana fa. Dall’altro l’offerta dell’Empoli risulta concreta e potrebbe ammontare ad addirittura a due milioni di euro. Che nel mercato delle cifre folli di oggi può sembrare poco, ma non lo è in relazione ad un giocatore classe 1984 acquistato da svincolato dalla SPAL nell’estate 2016. Ad ogni modo, allo stato attuale e dopo aver fatto le opportune verifiche, l’operazione sembra essere complessa e quindi di difficile realizzazione anche se parte della dirigenza biancazzurra non è stato possibile ottenere un commento ufficiale.
Antenucci è un giocatore fondamentale per il gioco di mister Semplici e sembra alquanto improbabile che possa essere ceduto alla vigilia del campionato, a maggior ragione visto che al momento in avanti ci sono solo tre elementi arruolabili. Oltre a questo appare difficile che il giocatore rinunci a disputare la serie A dopo averla ritrovata da protagonista dopo molto tempo. A meno che questa svolta non preluda a un netto cambio di strategia di mercato da parte della SPAL, che passa dall’ingaggio di attaccanti di altissimo profilo.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0