Antenucci non lascia e la SPAL raddoppia: il numero 7 rimane e arriva ufficialmente Borriello

Quando sembrava tutto apparecchiato per un congedo dal sapore amaro, ecco l’ennesimo colpo di scena dell’estate biancazzurra. Mirco Antenucci avrebbe detto “no, grazie” alle lusinghe dell’Empoli scegliendo di rimanere a Ferrara. La svolta è arrivata tra la tarda serata di venerdì e le prime ore del sabato, quando il tam-tam ha iniziato a farsi particolarmente insistente. Il numero sette sarà ancora sulle spalle del bomber molisano, che andrà a comporre un reparto d’attacco di primissimo ordine con Alberto Paloschi, Sergio Floccari e Marco Borriello.

L’attaccante ex Cagliari ha già annunciato via Instagram l’addio al club sardo, smentendo tra l’altro i dissapori con Massimo Rastelli, e ha già svolto le visite mediche a Ferrara, firmando un contratto di due anni. Sarà immediatamente a disposizione di mister Semplici per la trasferta di Roma e con tutta probabilità siederà in panchina nel match contro la Lazio. Con lui anche il difensore polacco Bartosz Salamon.

 

Buongiorno amici e in particolare tifosi del cagliari, vorrei fare chiarezza su quello che si e’ scritto e detto in queste ultime ore riguardo la non convocazione e al mio passaggio di squadra! Innanzitutto ci tengo a precisare che non ho litigato con massimo rastellli ,ne con la societa’ ne con compagni di squadra!!! Quindi tutto quello che avete letto e sentito e’ FALSO!!! Lo scorso anno quando sono venuto a cagliari l’ho fatto con grande determinazione,motivazione ed entusiasmo ed infatti sono riuscito a fare grazie anche all’aiuto dei miei compagni una stagione fantastica con 20 reti e un undicesimo posto in campionato… Per tanti motivi quest’ anno dopo diversi allenamenti e partite non ho sentito piu’ quel fuoco che avevo dentro di me della passata stagione. Penso che per un giocatore di 35 anni le motivazioni devono essere alla base di tutto,al campo ci si deve andare con la voglia di credere in cio’ che si sta facendo…mi reputo una persona passionale e alla continua ricerca di nuove sfide e se vengono a mancare questi requisiti allora diventa un problema per ME…e siccome io non ho voluto mai essere un problema per il Cagliari calcio,per i miei compagni di squadra,l’allenatore e per l ambiente….ho deciso una settimana fa, dopo la partita contro il palermo, di andare in primis dal direttore sportivo e poi dal presidente per manifestare questa mia voglia di cambiare. Non volevo rovinare tutto cio’ di buono che ho fatto per la maglia del cagliari e per i fantastici tifosi che mi hanno veramente fatto sentire un idolo e accolto come se fossi a casa mia!!! Voglio salutare e ringraziare la citta’ di Cagliari e tutti i tifosi per quello che mi hanno dato…vi portero’ sempre nel mio cuore ❤️ Ora il mio viaggio continua altrove ho ancora voglia di dimostare il mio valore e dare ancora qualcosa di importante al calcio italiano!!! Un abbraccio Marco

Un post condiviso da Marco Borriello (@marcoborriello) in data:

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0