Rilancio dell’Empoli per Antenucci, ma il ripensamento non arriva: l’attaccante rimane alla SPAL

Se ne va. No, rimane. Attenzione perché forse se ne va per davvero. No, effettivamente rimane. Quella di Mirco Antenucci e della corte dell’Empoli rimarrà una delle vicende più estenuanti del mercato spallino nella storia recente. Nonostante da venerdì tutti gli indizi puntassero su una sua permanenza della SPAL e che questa fosse stata confermata sia dalle parole di Semplici, sia di Colombarini, l’Empoli nella mattinata di martedì è tornato alla carica alzando la già ricca offerta fatta in precedenza al giocatore e al club biancazzurro. Inevitabile quindi un ulteriore giro di consultazioni, mentre sul web i tifosi già andavano in fibrillazione anche a causa dello sbilanciamento netto – verso un addio – di alcune testate specializzate, tipo quella che fa riferimento a Gianluca Di Marzio.

Alla fine, nel primo pomeriggio, è arrivata un’altra indicazione netta sia da ambienti vicini alla società, sia da chi cura gli interessi di Antenucci: l’attaccante non si muove, come peraltro già ribadito nella scorsa settimana. Nella speranza che da qui al prossimo 31 agosto non arrivino altre offerte principesche a riaprire il fronte.

 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0