Solidità difensiva e idee chiare: Vicari sempre meglio, Lazzari decisivo, Borriello spietato

Entrato per ultimo con il tempo ormai agli sgoccioli, Luca Rizzo è comunque riuscito a prendersi le luci della ribalta questa sera, con un gol pesantissimo segnato in pieno recupero che ha regalato tre punti quanto mai meritati alla SPAL. La prestazione dei biancazzurri è stata comunque di grande spessore per più di un’ora, con tutti i giocatori che si sono messi in bella mostra, dalla difesa fino al nuovo arrivato Marco Borriello, autore del primo gol in serie A della SPAL dopo quarantanove anni di assenza.

GOMIS 6,5 – Sul gol può fare poco, mentre nel resto dell’incontro non viene quasi mai impegnato dagli attaccanti friulani, mostrando però buona sicurezza sia con i piedi sia nei pochi interventi compiuti. La sua presa al 97′ viene festeggiata come un gol.

SALAMON 7 – Schierato a sorpresa da Semplici, forse anche per sfruttare le sue doti in fase di impostazione. Gioca bene e anche in marcatura si dimostra sempre molto attento.

VICARI 7,5 – Pochi interventi degni di nota, ma se il reparto difensivo non soffre praticamente mai è anche merito suo che lo guida con grande ordine e sicurezza. Nel finale fa vedere un tackle con dribbling annesso davvero di altissima scuola.

VAISANEN 6,5 – Non sarà forse bello da vedere e sicuro in possesso palla come il suo omologo sul lato opposto, ma dimostra di essere un difensore vecchio stampo, di quelli che ti rendono difficile fare qualsiasi giocata se ti marcano. Mezzo voto in meno per il fallo da rigore che quasi costa due punti, ma lo si può considerare un incidente di percorso.

LAZZARI 7,5 – Ingaggio un bel duello con Samir sulla destra e all’inizio lo vince nettamente, prima che il difensore bianconero gli prenda un po’ le misure. Nel primo tempo, in coabitazione con Schiattarella, mette in mezzo almeno due o tre palloni interessanti, su uno dei quali Borriello non arriva di un soffio. Nella ripresa, invece, segna il 2-0, aiutato anche dal primo intervento del V.A.R. al “Mazza”. (dal 40′ s.t. RIZZO 7 – Gioca dodici minuti in totale, ma al 94’ segna uno di quei gol che a fine campionato potrebbero fare tutta la differenza in termini di classifica per la SPAL)

SCHIATTARELLA 7 – Si fa male ad una mano dopo poco, ma questo non incide sulla sua prestazione, che migliora col passare dei minuti, creando un asse molto pericoloso con Lazzari a destra.

VIVIANI 7 – Alterna fasi in cui è sempre nel vivo del gioco ad altre in cui un po’ si nasconde, ma quando ha il pallone tra i piedi mostra una grande qualità tecnica. Bene anche quando è ora di fare il lavoro sporco.

MORA 7 – Il suo è più un lavoro oscuro, ma ha grandi meriti sul gol del vantaggio, visto che il pallone che arriva sui piedi di Borriello è frutto della sua testardaggine nel mantenere vivo il pallone. Nella ripresa si fa vedere anche con qualche bella giocata in mezzo al campo. (dal 24′ s.t. SCHIAVON 6,5 – Entra nel momento più difficile per la formazione ferrarese, ma lui fa comunque il suo, garantendo esperienza e solidità)

MATTIELLO 6,5 – Poco appariscente, schierato anche sul lato in cui fatica maggiormente a sfruttare il suo piede migliore. Mostra un paio di sgroppate notevoli. Dalla sua parte comunque l’Udinese attacca poco e quando ci prova non passa.

BORRIELLO 7,5 – Nel primo tempo tocca palloni, ma gliene basta uno pulito per trasformarlo subito in un gol, facendo esplodere il boato del “Mazza”. A inizio ripresa avrebbe anche la palla del 2-0, ma la mira questa volta non è delle migliori.

FLOCCARI 7 – Oggi nei panni dell’uomo che collega il centrocampo con Borriello, dimostra di poterlo fare al meglio, sia per esperienza che per tecnica di base. Poco lucido davanti a Scuffet a metà ripresa quando potrebbe firmare il 3-0. (dal 38′ s.t. ANTENUCCI s.v. – Accolto da un boato, ha riabbracciato il Mazza in una sera di festa. Tanto basta per stavolta)

SEMPLICI 7,5 – Per più di un’ora la sua squadra sembra essere abituata a questi palcoscenici, mostrandosi molto più in palla rispetto a quella di Delneri. Nel finale, quando le cose si complicano, azzecca i cambi, e trova con Rizzo il gol del 3-2.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0