Il Kleb passeggia nella seconda amichevole casalinga: Agrigento travolta, brilla Rush

Al secondo test tra casalingo il Kleb Basket Ferrara si impone nettamente su una Fortitudo Agrigento apparsa più indietro rispetto alla squadra estense. Dal punto di vista realizzativo bene Rush, autore di 23 punti, e capitan Cortese (15).

I primi cinque minuti di partita non regalano uno spettacolo indimenticabile, con le squadre abbastanza contratte e qualche tiro forzato. Martelossi chiama time out sul 5 pari, ed entrambe le squadre ne beneficiano dal punto offensivo: Williams e Rotondo rispondono a Cortese e Rush, autore di un bel gioco da tre punti in contropiede. L’ala USA della Bondi aggiunge altri due liberi e tocca quota 7, lo segue Panni con una tripla e la Bondi allunga negli ultimi due minuti del primo quarto, che si chiude sul 15-13.
Nel secondo periodo il primo a muovere il tabellone appena resettato è Cortese, che segna 10 punti in fila con quattro tiri liberi, una tripla in transizione e un gioco da tre punti. L’exploit del capitano costringe Ciani a chiamare un minuto di sospensione visto che Agrigento non trova la retina. I siciliani trovano cinque punti, ma la reazione è solo il preludio ad un altro strappo casalingo, fino all’alzata di Rush per la bimane di Molinaro, che fa registrare il punteggio di 16-5 a metà parziale. Negli ultimi tre minuti del quarto saltano un po’ gli schemi e vanno a segno con continuità entrambe le squadre, fino al 22-15 definitivo.

Alla ripresa parte bene la Bondi, che guidata da Rush e Fantoni si porta subito sull’8-1. La Moncada prova a inseguire, ma Cortese e Moreno mettono le cose in chiaro, rispettivamente con una bomba e quattro punti in fila, fino al 16-6 registrato a quattro minuti dalla fine del periodo. Pepe trova la tripla e da un po’ di fiducia ai suoi, ma Fantoni mantiene le distanze dalla lunetta e Moreno esalta il pubblico con un grande assist dietro la schiena per l’ultimo canestro del quarto, firmato Rush (25-13).
Gli ultimi dieci si aprono con qualche errore, ma poi ci pensano i lunghi di Martelossi a sbloccare il punteggio: prima Fantoni con la schiacciata, poi Molinaro da 3 punti. Rush firma l’11-2 allo scadere dei 24 secondi e indirizza sostanzialmente anche il quarto periodo dalla parte di Ferrara, fino al 15-11 finale.

Dopo la sirena abbiamo raccolto le impressioni a caldo del coach, Alberto Martelossi, sullo scrimmage vinto agevolmente dai suoi ragazzi: “Ci siamo cercati abbastanza e abbiamo avuto anche dei buoni momenti di pallacanestro. È chiaro che siamo stati più brillanti rispetto alla partita con Verona: per 40′ siamo riusciti a tenere un buon ritmo. Però bisogna anche dire che è stata una partita molto diversa rispetto a quella con la Tezenis: ci sono stati molti meno contatti e la fisicità in campo non è stata neanche paragonabile. Questo pomeriggio siamo andati bene, sì, ma la verità sta nel mezzo: dobbiamo farci trovare pronti anche quando l’agonismo si alzerà maggiormente. Infatti mi sono permesso di dire ai giocatori che i due o tre minuti in cui Agrigento ha giocato mettendo le mani un po’ più addosso abbiamo perso la lucidità vista a inizio partita: qui dobbiamo migliorare. Nonostante ciò, siamo stati bravi a prenderci senza remore quello che l’avversario ci ha concesso. Adesso torniamo a lavorare in palestra per presentarci al meglio al torneo di Udine, che penso sarà un banco di prova più attendibile, dove capiremo qualcosa di più sulla nostra condizione. Molinaro è andato molto bene da numero 4, soprattutto da dietro l’arco dei tre punti, ma voglio che sia incisivo anche sotto canestro. Moreno dalla panchina? Per ora cambia poco, anzi, credo siano più importanti quelli che non iniziano in quintetto. Vedremo, è ancora presto per trarre conclusioni”.

Bondi Ferrara-Moncada Agrigento 77-52
(15-13,22-15,25-13,15-11)

BONDI FERRARA: Petronio 2, Mancini, Rush 23, Drigo 2, Hall 2, Fantoni 13, Molinaro 9, Cortese 15, Venuto, Sorrentino, Panni 5, Moreno 6. All.: Martelossi

MONCADA AGRIGENTO: Zugno 2, Evangelisti 3, Cuffaro, Ambrosin 8, Pepe 3, Guariglia, Cannon 4, Williams 16, Lovisotto 9, Rotondo 7. All.:Ciani

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0