Da Pieve di Cento a Ferrara il passo è breve: Tassi Group sulle maglie della SPAL per due anni

Non solo Interspar per le casacche biancazzurre. La maglia della SPAL si arricchisce di un altro marchio, e non sarà provvisorio come quello della catena di ipermercati. Nella mattinata di giovedì la società ha presentato la nuova partnership con Tassi Group, azienda che opera nel settore edilizio e nello smaltimento dell’amianto. L’accordo è stato raggiunto su base biennale e come spiega Alessandro Crivellaro, direttore commerciale biancazzurro, “Si tratta di un’intesa che rende tutti molto orgogliosi. Noi siamo sempre molto contenti quando il nostro nome si lega con quello di aziende del territorio. Da venerdì tutte le maglie in vendita saranno marchiate anche Tassi Group, che oltre alla visibilità sulle divise avrà anche ampio spazio in campo nel giorno della partita”.

Ai dettagli tecnici, si aggiungono gli onori di casa del patron Simone Colombarini, visibilmente soddisfatto per questo nuovo legame: “Diamo il benvenuto ad un nuovo sponsor locale in casa SPAL. Abbiamo sempre detto di voler raggiungere i nostri obiettivi grazie al supporto dei nostri partner e aver raggiunto l’intesa ci riempie di orgoglio perché significa che abbiamo lavorato bene a livello d’immagine”. Della stessa idea Giuseppe Tassi, presidente della Tassi Group: “Siamo molto contenti ed orgogliosi come famiglia e come azienda di affiancarci ad una società gloriosa come la SPAL. Devo ringraziare chi ha permesso il raggiungimento di questo sodalizio. Da oltre venti anni operiamo nel settore edile in tutta Italia e riuscire a mettere in mostra in maniera così evidente il nostro logo è un risultato che sentiamo di meritarci. Dopo anni di duro lavoro posso dire che la nostra sia un’impresa radicata a livello nazionale, specialmente nella nostra zona e nelle regioni vicine all’Emilia-Romagna. Siamo di Pieve di Cento, è vero, ma il nostro supporto nei confronti della SPAL non è mai mancato e nelle ultime stagioni abbiamo sofferto e gioito insieme alla famiglia Colombarini”. Particolarmente emozionato Alessandro Tassi, figlio del presidente: “Sono molto emozionato, è una giornata importante. Seguo il calcio sin da bambino, il mio sogno era giocare in Serie A. Non ci sono riuscito, ma in qualche modo ci sono arrivato. E’ doveroso ringraziare la società per averci preso in considerazione”.

Anche Mattioli ribadisce il concetto espresso in precedenza da Simone Colombarini a proposito del supporto delle realtà locali: “Sono molto felice, la simpatia con Tassi Group è stata sin da subito reciproca e sono sicuro che faremo grandi cose in questi due anni. Non vogliamo limitare la nostra collaborazione ad una semplice sponsorizzazione, ma coinvolgeremo tutti nel nostro cammino. E sono sicuro che sarà lungo perché in Lega danno già per certa la nostra permanenza in A. Speriamo, ma possiamo fare bene solamente grazie alla presenza di aziende che decidono di puntare su di noi”.

Per gli ultimi dettagli tecnici, a prendere la parola è ancora Crivellaro: “Per quanto riguarda le prossime tre giornate di campionato (domenica in casa con il Cagliari, mercoledì a Milano contro il Milan e venerdì 23 al Mazza col Napoli; ndr), il nostro second sponsor Tassi Group sarà affiancato sempre da Interspar. In seguito vedremo. Da inizio ottobre si aprirà un nuovo capitolo, magari con un turnover di aziende, oppure un accordo unico fino al termine del campionato. Ci sono delle trattative in corso”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0