Colombarini pensa positivo, ma chiede più lucidità: Senza distrazioni un punto si poteva fare

Il patron spallino Simone Colombarini si è presentato a colloquio con i giornalisti ferraresi nella zona mista di San Siro, dispiaciuto per il risultato di Milan-SPAL, ma convinto che i biancazzurri abbiano dimostrato ancora una volta di potersela giocare con chiunque: “Perdere non fa piacere. Sono convinto che se oggi avessimo giocato con un po’ di determinazione in più almeno un punto lo avremmo potuto portare a casa. Nessun dramma, sapevamo che venire in casa del Milan e vincere sarebbe stato molto difficile. È mancata un po’ di grinta, abbiamo creato poco, ma è anche vero che nemmeno il Milan ha avuto tante occasioni, siamo stati bravi noi a non lasciargli tanto spazio. Perdere con due rigori fa un po’ arrabbiare e pensare che con un po’ di attenzione in più in fase di copertura avremmo potuto evitare questa sconfitta. Proveremo a fare qualcosa di più nelle prossime gare, ovviamente quando incontreremo avversari più alla nostra portata sarà più semplice imporre il nostro gioco. È vero che non abbiamo segnato in quattro partite su cinque, ma è anche vero che non abbiamo mai concesso troppe occasioni ai nostri avversari. La SPAL comunque torna a casa con la consapevolezza che può giocarcela con tutte; anche oggi per esempio per il primo quarto d’ora del secondo tempo siamo riusciti a mettere in difficoltà una corazzata come il Milan. Il turnover oggi era necessario e sono soddisfatto della risposta di chi finora ha trovato meno spazio, anche se sarebbe fuori luogo fare nomi dopo un match del genere. Per quanto riguarda la prossima partita, noi dobbiamo cercare di migliorare e pensare a noi stessi, poi ovviamente ci sono anche gli avversari e un avversario di nome Napoli può impaurire. Nessun dramma, anche i tifosi hanno riservato alla squadra un applauso al triplice fischio”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0