Bologna è una regola che non si dimentica più, perché anche le bocciature devono servire

Ore 11. Finalmente l’attesa snervante durata venti giorni e una vita è finita. Parto digiuno, mi offrono delle birre chiamandomi per nome, accetto, investigando nei ricordi, luoghi e facce. A passo di bradipo un torpedone biancazzurro di trentadue (credo) pullman. Occhi aperti, volti coperti, liberi pensieri: tensione palpabile ma tutto fila liscio. Dentro al Dall’Ara la prima beffa, una zona cuscinetto tra noi e noi stessi. La Andrea Costa è un bel muro di bandiere. Partiamo benino, ma poi iniziano ad arrivare primi sul pallone (loro), a raddoppiare copiosamente il portatore di palla, a picchiare quando è il momento. Arriva il gol, c’è reazione, un gol annullato, un mezzo rigore. Chiudiamo il primo sotto. Ma siamo vivi.

Ennesima paglia, una birretta. Invocare un dio in cui non ho mai creduto. Al due a zero ci spegniamo, personalmente non riesco più a cantare, fortuna che non tutti reagiamo in egual misura. Non vedo l’ora che l’arbitro fischi. Troppe aspettative disilluse. Troppi “severo ma giusto”. Mi ricorda molto quando alle medie i miei professori: “il ragazzo si applica ma…”. Mi fa più male della prima bocciatura (poi alle altre ci si abitua), ma non si molla di un centimetro perché certe sconfitte possono (e devono) tramutarsi in lauree (vere). La nostra serie A passerà inevitabilmente da un’altra dozzina di sconfitte. Ma lassù dall’alto degli spalti vogliamo vedere sputare sangue per quella maglia. Oggi non ho visto i guerrieri di tante altre battaglie condivise. Ennesima paglia, una doccia, finalmente un po’ di silenzio. Per oggi.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0