Parata di stelle per SPAL 110: il libro di Mauro Malaguti riunisce tre generazioni di ex

Con tutta probabilità bisogna tornare alla festa del centenario del 2007 per ritrovare una parata di stelle biancazzurre come quelle riunite lunedì pomeriggio nella Sala della Musica di via Boccaleone, per la presentazione di “SPAL 110”, il libro scritto dal collega Mauro Malaguti in occasione del centodecimo compleanno dell’Ars et Labor. C’erano almeno tre generazioni di ex giocatori che hanno fatto sognare il pubblico ferrarese, tanti “amici”, come li ha chiamati lo stesso Malaguti presentandoli tutti per nome con la voce mossa dall’emozione. La generazione d’oro di Paolo Mazza: Massei, Morbello, Malatrasi, Reja, Bozzao, Novelli, Pasetti, De Bernardi, Cipollini, Boldrini, Gianluca Ranzani a nome di papà Roberto. Quella degli anni Settanta ricordata soprattutto per l’era-Caciagli (presente il figlio Marco): Croci, le famiglie di Mongardi e Lievore, Gambin. La nidiata degli anni Ottanta con in testa Giovanni Galeone, Perinelli, Fermanelli, Albiero, Fabbri, Ferrari, Baiesi, Bergossi, Cervellati, Leo Rossi. A fare da ponte con i Novanta la figura di Gibì Fabbri (presente la figlia Elena) e diversi dei talenti da lui allenati: Labardi, Servidei e Paramatti. Gianni De Biasi ha inviato un messaggio video dalla Spagna (allena l’Alaves), nel finale è arrivato anche Cipriani come unico rappresentante della sciagurata era-Butelli. Ultimi, ma solo in ordine di tempo, gli uomini-copertina della risalita in serie A: Simone Colombarini, Walter Mattioli, Davide Vagnati e Leonardo Semplici.

Malaguti, da una vita dedito al racconto delle vicende biancazzurre, ha assemblato un volume – edito dalla Gianni Marchesini Editore – di 336 pagine stampato a colori su carta patinata, in cui sono raccolti i tabellini di tutte le gare di campionato della SPAL e tutti i risultati delle gare di Coppa Italia. Contiene una sezione statistica con le classifiche per presenze e reti di ogni epoca, ed elaborazioni. Inoltre nel volume sono raccolti i profili dei cento personaggi (presidenti, allenatori, dirigenti, calciatori) che hanno fatto la storia della SPAL, più altri cinquanta che hanno a loro volta rivestito particolare importanza. Le pagine sono arricchite da oltre 400 fotografie: quelle riguardanti le formazioni di ogni campionato, quelle che illustrano la storia della squadra in questi 110 anni.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0