Palla più fuori che in campo, Pioli invoca il tempo effettivo. Ma è un problema di tutta la serie A

All’indomani di SPAL-Fiorentina, Stefano Pioli è tornato sui temi della gara del “Paolo Mazza”, evidenziando un aspetto piuttosto curioso, quello del tempo effettivamente giocato nel corso della partita. A margine della cerimonia del premio “Giglio D’Oro” il tecnico viola ha parlato ai microfoni di TMWRadio, evidenziando la necessità di adottare il metro del tempo effettivo: “Al di là della partita di ieri, con il tempo effettivo nel secondo tempo che è stato pochissimo, dobbiamo migliorare qualcosa nel calcio e magari giocare col tempo effettivo, portandolo per esempio a 60 minuti. Non si può giocare 47 minuti su 90 come successo ieri.”

Sotto il profilo strettamente statistico Pioli ha ragione: in SPAL-Fiorentina si è giocato per meno di 47 minuti su un totale di 96 (il 49% del tempo) e solo in altre tre partite del tredicesimo turno si è giocato di meno in percentuale.

Napoli-Milan: 60’52” su 97’38” (62%)
Hellas Verona-Bologna: 58’32” su 96’19” (61%)
Torino-Chievo: 55’25” su 97’14” (57%)
Crotone-Genoa: 51’35” su 94’16” (55%)
Sampdoria-Juventus: 53’52” su 98’07” (55%)
Inter-Atalanta: 51’07” su 95’13” (54%)
SPAL-Fiorentina: 46’44” su 96’08” (49%)
Roma-Lazio: 46’14” su 97’01” (48%)
Udinese-Cagliari: 47’56” su 100’14” (48%)
Benevento-Sassuolo: 43’18” su 96’46” (45%)

Tuttavia la media di giornata (53%) è perfettamente in linea con quella consolidata ormai da diversi anni in serie A, che si attesta tra il 52 e il 53%. E va da sé che per le piccole squadre la perdita di tempo diventa uno strumento prezioso per compensare il divario di qualità con le avversarie di maggiore caratura, è così da sempre.

La sottolineatura di Pioli non sembra quindi voler essere una critica all’atteggiamento tenuto dalla SPAL, ma una constatazione basata anche sui precedenti stagionali: nell’arco di tredici partite solo in una occasione (col Crotone) la Fiorentina aveva giocato meno (il 44% del tempo totale) di quanto abbia fatto al “Mazza” domenica scorsa. Le partite della Viola in media vengono giocate per il 56% del tempo, mentre per la SPAL questo dato si ferma al 51%.

Se poi si va ad analizzare il tempo effettivo delle partite della SPAL, si può rilevare una differenza sostanziale tra le prove casalinghe e quelle in trasferta: i biancazzurri al “Paolo Mazza” giocano in media il 52,85%, mentre lontano da Ferrara il dato scende a 50,33%.

SPAL:
* Lazio 57%
* Udinese 53%
* Inter 48%
* Cagliari 56%
* Milan 50%
* Napoli 55%
* Crotone 48%
* Bologna 46%
* Sassuolo 59%
* Juventus 56%
* Genoa 50%
* Atalanta 45%
* Fiorentina 49%

media: 51%

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0