Il Cittadella approfitta delle disattenzioni biancazzurre: si chiude la serie positiva della U17

Si ferma a quota tre la serie positiva della SPAL Under 17: la squadra di Perinelli incappa in una giornata decisamente no a Cittadella e non riesce a difendere il vantaggio in una gara fisica e non particolarmente spettacolare. I biancazzurri non hanno comunque demeritato, ma gli avversari sono stati più abili nel sfruttare le uniche occasioni create e quindi a portare a casa tre punti. Di negativo il fatto che i giovani biancazzurri interrompono il trend di prestazioni positive che aveva caratterizzato le loro ultime gare. Quello di domenica è stato un passo indietro rispetto a quello che i ragazzi ci avevano abituato nell’ultimo mese.

Il primo tempo inizia con entrambe squadre che battagliano a centrocampo, giocando molto duro. I ragazzi di Perinelli vanno in vantaggio alla prima vera occasione della partita. Un tiro di Seck viene involontariamente deviato da Varotto e si deposita alle spalle di un sorpreso ma incolpevole Plechero. Il Cittadella subisce il colpo, ma la SPAL non riesce a raddoppiare e, dodici minuti dopo, arriva la rete del pari dei veneti, al loro primo tiro in porta. Coulange scivola permettendo a Fior di saltarlo e trovarsi uno contro uno con Campi. L’attaccante si aggiusta il pallone e batte il numero uno biancazzurro, segnando il suo terzo gol stagionale. Il primo tempo si chiude senza altre particolari emozioni, con l’attacco della SPAL meno dinamico ed energico del solito.

I secondi quaranta minuti iniziano in effetti in maniera più vivace, ma non nel modo in cui probabilmente speravano i tifosi spallini.Dopo due minuti Pasinato, su una palla persa dei biancazzurri, guadagna il fondo e serve dentro l’area Bariol che, a pochi passi dalla linea di porta, mette in rete il pallone del sorpasso. La gara continua con le due squadre chiuse. La SPAL prova a farsi vedere ma senza la solita grinta e, soprattutto, senza creare occasioni che preoccupino oltremodo Plechero. Il Cittadella non fa di più, limitandosi a difendere il vantaggio. Al 33’ Marzio prova due dribbling sulla trequarti per cercare di spronare la squadra, ma l’ultimo si rivela di troppo. Il pallone viene recuperato dai centrocampisti del Cittadella che, veloci, rilanciano in contropiede Nicheli che batte Campi con un bel tiro angolato a incrociare. Il gol di fatto chiude una partita da archiviare in fretta.

A fine partita Perinelli commenta l’andamento della partita abbastanza deluso: “Oggi non abbiamo fatto una bella partita, soprattutto sotto l’aspetto della mentalità e della concentrazione. Abbiamo concesso i gol con troppa superficialità. Era tutta la settimana che avvisavo i ragazzi che oggi sarebbe stata difficile, ma siamo scesi in campo con un atteggiamento decisamente sbagliato. Abbiamo sbagliato completamente a interpretare la partita. Forse c’eravamo illusi dopo la buona prestazione con l’Inter, pensando di poter fare bene senza lottare, ma abbiamo subito scoperto che non è così. Se non giochi contro tutti con la stessa voglia, la stessa intensità e la stessa attenzione, rischi poi di perdere con tutti. Tutti e tre i gol sono arrivati da nostre palle perse. I ragazzi devono mettersi in testa che ogni partita è una guerra. Dobbiamo lavorare su questo. Oggi con un po’ più di cattiveria, di attenzione, di voglia e di determinazione forse tre gol non li avremmo presi. Continuo per tutta la settimana a martellare su questi concetti, ma a quanto i pare i ragazzi faticano a recepirli”.

 

Cittadella-SPAL 3-1 (p.t. 1-1)

Cittadella (4-3-1-2): Plechero; Munaretto, Rumiz, Bariol (dal 35’ s.t. Visentin), Volpato; Pasinato (dal 40’ s.t. Rosa S.), Bertolini (dal 24’ s.t. Nichele), Zacchia (dal 40’ s.t. Fantinato); Varotto; Fior, Giordano (dal 24’ s.t. Rosa A.). A disp: Zordan, La Montanara, Ghion, Girardi. All. Romanin.

SPAL (4-3-3): Campi; Marzio, Valesani, Coulange (dal 24’ s.t. Bonin), Biolcati; Seck (dal 2’ s.t. Marzocchi), Sare, Beu; Mazzoni M. (dal 20’ s.t. Ardelean), Minaj, Cuellar. A disp: Riccomini, Allegretto, Tagliaferri, Mazzoni E., Alessio, Biston. All. Perinelli.

Arbitro: Sig. Modesto di Treviso (ass.ti Baggio e Milano).
RETI: 20’ p.t. aut. Varotto (S), 32’ p.t. Fior (C), 3’ s.t. Bariol (C), 33’ s.t. Nichele (C).
Ammoniti: Valesani (S), Fior (C), Seck (S), Rosa A. (C), Zacchia (C).
Note: cielo coperto. Recuperi 1’ p.t., 5’ s.t.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0