Le giocate decisive arrivano ancora dalla vecchia guardia: Floccari, Antenucci e Schiattarella

Il grande carattere biancazzurro visto nel finale contro l’Hellas è venuto fuori anche a Benevento, con la seconda rimonta in sette giorni in scontri diretti. Hanno inciso ancora una volta i leader della promozione, con i gol e le giocate di qualità Floccari e Antenucci, con il carattere Schiattarella e con la solidità difensiva Vicari e Cremonesi. Sotto tono invece le prove di Lazzari, Viviani e Paloschi.

GOMIS 7 – Alfred conferma di essere una delle poche certezze per mister Semplici in questa prima parte di stagione e, nelle occasioni in cui viene impegnato, sia nel primo che nel secondo tempo, è sempre attento e puntuale. Rischia un pochino su un’uscita che quasi consente a Letizia di beffarlo in pallonetto.

SALAMON 6 – Non fa cose straordinarie, ma il suo dovere lo fa appieno quando c’è da chiudere. Qualche perplessità quando prova a impostare, rischia grosso perdendo una palla sulla propria trequarti a inizio secondo tempo.

VICARI 7 – Merita più della sufficienza già per la chiusura difensiva che effettua alla metà del primo tempo su D’Alessandro lanciato a rete. Nel resto dei novanta minuti sbaglia comunque poco o niente.

CREMONESI 7 – Sull’autogol è decisamente sfortunato nel tentativo di anticipare Costa, ma prima e dopo si conferma un baluardo per la difesa spallina. Col ritorno di Felipe sarà dura scegliere per il mister.

LAZZARI 6 – Uno dei meno brillanti, D’Alessandro lo costringe sulla difensiva, ma anche quando spinge spesso litiga col pallone e, a fine primo tempo, si perde l’inserimento alle sue spalle sul quale risulta poi provvidenziale Gomis in uscita.

SCHIATTARELLA 7 – L’aria di casa e le due panchine consecutive lo stimolano parecchio e, fino a quando non esce stremato, è lui a dare energia e qualità alla manovra spallina in attacco, con conclusioni e assist, come in occasione del gol del pareggio. Se vogliamo trovargli un difetto oggi è l’eccessivo altruismo davanti a Belec. (dal 32′ s.t. MORA 6 – Entra quando c’è da chiudere tutti gli spazi e, con generosità, contribuisce alla causa)

VIVIANI 6 – Molto, forse troppo, scolastico, con molti palloni facili scambiati con i difensori e poche verticalizzazioni. Anche su punizione è meno efficace del solito.

GRASSI 6,5 – Prestazione molto positiva, anche oggi ha almeno due palloni importanti per segnare, sul primo dei quali si divora di testa una ghiotta occasione. Il gol gli sarebbe valso un voto decisamente più alto.

MATTIELLO 7 – Forse la sua migliore prestazione in maglia biancazzurra, sia in fase difensiva che quando si tratta di spingere, come successo sul 2-1 quando, imbeccato da Antenucci, impegna Belec prima del gol di Floccari.

FLOCCARI 8 – E’ in partite come queste che si capisce quanto sia mancato nella prima parte di stagione. Al ritorno da titolare dopo tre mesi mette a referto una doppietta di valore inestimabile per la lotta salvezza, oltre ad una traversa e al tiro sul quale nasce il controverso episodio del fallo di mano di Memushaj a fine primo tempo. Si prodiga anche nel rincorrere gli avversari: cosa possiamo chiedergli di più? (dal 39′ s.t. SCHIAVON s.v.)

PALOSCHI 6 – Non sembra brillantissimo nelle ultime partite e, come contro il Verona sette giorni fa, nel primo tempo non si vede praticamente mai, salvo su un gol annullato per fuorigioco di Schiattarella, mentre nella ripresa cerca quantomeno di metterci più agonismo. (dal 18′ s.t. ANTENUCCI 7,5– Meno di mezz’ora per lui, ma anche stavolta entra e cambia volto all’incontro, propiziando entrambi i gol. Il primo con un tocco di prima da giocatore di classe sopraffina)

SEMPLICI 7 – La vigilia della sfida non è stata sicuramente delle più tranquille, visto l’importanza del risultato di oggi. Lui va dritto per la sua strada, trasmette convinzione e la squadra dimostra di fidarsi ciecamente di lui. Non è un particolare secondario.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0